Vai al contenuto

Benvenut@!

Entra a far parte della nostra community: registrati per partecipare alle discussioni, commentare, rispondere!

Gigiskan

Tempo di raccolta

Recommended Posts

Signore e signori, le votazioni sono concluse e abbiamo il tema vincitore:
Il tempo

Come proposto da Russ, potremmo porre il limite per la consegna dei racconti a fine novembre e stabilire un massimo di ventimila caratteri per racconto. Se avete qualcosa da ridire, parlate subito o tacete per sempre :asdf:

Magari è utile anche confrontarsi sulle idee che ci vengono, di modo da non fare cose ripetitive e di aiutarci a vicenda.
E adesso vi taggo tutti come se non ci fosse un domani :asdf:

@Matt @Mari @Russotto @Gas @*Celaena* @Emy Ristovic @libero @lean

  • Thanks 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora butto subito la domanda: state già pensando a qualcosa o, come il sottoscritto, manco sapete da dove partire? :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho qualche idea ma devo ancora buttare tutto su carta.
Mi è venuta in mente una domanda però: il genere è libero? Non mi ricordo se è stato specificato da qualche parte :look:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi di sì, abbiamo creato un tema unico ma non credo sia il caso di vincolarci anche sul genere. L'unica cosa che posso consigliarti è di farlo emergere subito; credo che, trattandosi di racconti, se i lettori si trovano davanti a un fantasy dopo tre narrativi potrebbero essere leggermente spiazzati sulle prime.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se può essere utile ma c'è un libro che scrisse Tabucchi nel 2009. Io l'ho trovato molto bello.

Si tratta di una raccolta.. proprio come quello che vorremmo fare noi.

Sono tanti racconti (appunto) legati da un filo... conduttore...

... un ... tema.

Il tempo.

Vabbé, magari leggendo qualche racconto si potrebbe avere qualche spunto.

Dimenticavo: Il tempo invecchia in fretta. Di antonio Tabucchi. Edito da Feltrinelli.

Modificato da Russotto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se posso permettermi mi sarebbe venuta in mente un'idea. Ma siccome sto già lavorando a un testo (anche se non so se è molto in linea col tema) la propongo a voi.

Magari a qualcuno potrebbe piacere e vorrà farne un racconto.

Un impiegato (o una qualsiasi figura di dipendente che deve bollar euna cartolina) vive sempre di corsa tra un impegno e l'altro. Chiede continuamente e invano che gli sia concessa la flessibilità dell'orario (bollo alle 8.08 ed esco alle 17.08, in molte aziende lo si può fare) in modo che possa recuperare eventuali ritardi senza dover vedere sempre decurtata mezz'ora di permesso ogni volta che non bolla per tempo.

Il titolare (attaccato ai soldi come una mosca alla m...a) non ne vuole sapere (la storia della mezz'ora decurtata per ogni bollatura fuori tempo rende) ma il povero (o la povera) protagonista ha impegni irrinunciabili (potrebbero essere di qualsiasi tipo, famiglia, secondo lavoro, salute) e per evitare di accumulare ritardi corre sempre come un matto fino a un inevitabile drammatico epilogo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leggendo l'eventuale sviluppo immaginato in alto da Russotto, propongo un piccolo brief editoriale pre-produzione. Giusto quel pò che basta per rendere il prodotto appetibile a una determinata fetta di mercato per una eventuale edizione pubblica. Creare una reale linea guida da seguire per costruire una struttura che abbia si storie diverse, eppure in armonia con gusti e tendenze attuali.

Troppo "markettaro"? Ogni tanto l'editor che è in me esce fuori. Vado a vergognarmi cinque minuti cinque...

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Marco Costantini dice:

Leggendo l'eventuale sviluppo immaginato in alto da Russotto, propongo un piccolo brief editoriale pre-produzione. Giusto quel pò che basta per rendere il prodotto appetibile a una determinata fetta di mercato per una eventuale edizione pubblica. Creare una reale linea guida da seguire per costruire una struttura che abbia si storie diverse, eppure in armonia con gusti e tendenze attuali.

Per me si può fare, almeno troviamo qualcos'altro che leghi i racconti oltre al tema (se ho capito bene la proposta)

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo: avete gia deciso la linea editoriale da seguire?

A prescindere dal tema - tempo - avete gia in mente la formattazione del testo, l'uso delle caporali, il divieto o meno di un vernacoliere, l'uso di parolacce, la contemporaneità dei racconti etc. Un "tempo" ante litteram sarebbe troppo pretenzioso per esempio?

Forse sono troppe domande e poste tutte insieme ma è giusto per capire meglio come muoversi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La formattazione ancora non è stata trattata, le caporali paiono essere le preferite e riguardo ai vernacolieri o l'ambientazione temporale non credo ci siano vincoli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
34 minuti fa, Russotto dice:

La formattazione ancora non è stata trattata, le caporali paiono essere le preferite e riguardo ai vernacolieri o l'ambientazione temporale non credo ci siano vincoli.

ok gia è qualcosa, allora attendo sviluppi :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy