Vai al contenuto
Guest Gemini

Chi incontrereste?

Recommended Posts

Guest Gemini

Se per magia poteste incontrare uno degli scrittori che più avete amato e piu vi hanno influenzato spiritualmente, chi vorreste incontrare e perché? Personalmente incontrerei Hermann Hesse, come me costantemente alla ricerca di sé e del profondo senso dell'esistenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Albert Camus, senza alcun dubbio.
È il filosofo a cui sono più legato in assoluto. A lui ho dedicato la mia tesina di maturità lo scorso anno, e chissà che non gli dedichi anche la tesi di laurea, quando arriverà il momento. Con il sole e il mare che porta dentro di sé, riesce sempre a trasmettermi il suo immenso amore per la vita e per il mondo.
Diciamoci la verità, Camus è un gran figo 💜

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Gemini

Gigiskan, l'esistenzialismo è la corrente filosofica che prediligo e Camus ne è esponente straordinariamente originale: quindi concordo pienamente con la tua scelta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non lo so... autori che davvero apprezzo (sarò banale ma la Rowling, King, Ransom Riggs e Rick Riordan) sono pochi ma sceglierne uno per ora è ancora difficile. Ho una top ten ristretta ma nessuno predilige l'altro. Sono affascinato e allo stesso tempo terrorizzato da King, non si ferma mai e ha una scrittura stupenda. Però devo dire la verità: di recente ho avuto l'opportunità di leggere Anna di Ammaniti e... WOW. Mi ha letteralmente spiazzato, ha un talento enorme e forse fare volentieri una chiacchierata con lui.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Matt Anna non mi aveva fatto impazzire, devo essere sincero. Di Ammaniti però mi è piaciuto molto Io non ho paura, prova a dargli una spulciata magari :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dirò una frase che non si dovrebbe dire: non ho letto il libro ma ho visto il film. 

Sciaguraaaa tempestaaaa

No, in realtà l'ho sempre evitato perché il film, guardandolo da piccolo, mi aveva fatto non so perché paura. Il libro di Anna mi ha fatto ricredere sulle sue abilità, magari potrei cercare altro di Ammaniti, oltre a io non ho paura :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Gemini

Matt, non temere. Non sempre il libro è migliore del film che ispira. A volte accade il contrario. Personalmente mi è accaduto diverse volte: "Il curioso caso di Benjamin Button" di Fitzgerald o "Blade runner", ad esempio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende dalla motivazione. Con Orazio mi ci farei volentieri una bevuta, e incontrerei Nietzsche giusto per curiosità, per vedere quanto era 'tocco'. In realtà non penso che avrei un reale interesse a incontrare qualche autore: se e quando leggo, sono le opere a interessarmi. Partendo dal presupposto che un autore comunica nelle proprie opere ciò che ritiene interessante comunicare, paradossalmente tutto ciò che c'è di interessante in un autore starebbe nelle sue opere, e quindi non ci sarebbe nient'altro di interessante nell'incontrarlo di persona invece che nel leggerlo. Non so se mi spiego. O forse sono solo un filino asociale. :asd:

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Gemini

Calvino sosteneva che artista e opera andrebbero sempre mantenuti divisi. Probabilmente era orientato anche lui, come te, a pensare che un'opera contenga già così tanto dell'autore da rendere superfluo soffermarsi su di lui (spesso forniva addirittura dati ambigui circa la propria biografia, affinché il lettore si concentrasse solo sullo scritto). Però penso anche che una "visitina" alla "fonte" dei romanzi che ci hanno donato emozioni straordinarie (se fosse possibile fruirne) non sarebbe proprio un'esperienza da buttare via😊 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oscar Wilde, Jane Austen, Stephen King, Kent Haruf... No, non saprei sceglierne uno solo :follia:
Comunque ci farei una chiacchierata, parlando del più e del meno, perché sono tutte personalità che mi affascinano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Gemini

Celalena, sicuramente scegliere sarebbe assai difficile. Da ogni scrittore si potrebbe trarre tantissimo. Curiosità e ignoranza insieme: Parlami di Kent Haruf. Non lo conosco 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 14/6/2018 at 12:17, Gemini dice:

Celalena, sicuramente scegliere sarebbe assai difficile. Da ogni scrittore si potrebbe trarre tantissimo. Curiosità e ignoranza insieme: Parlami di Kent Haruf. Non lo conosco 

Kent Haruf era uno scrittore americano che ha dato vita all'immaginaria cittadina di Holt, nella quale sono ambientati i suoi romanzi. Io personalmente lo apprezzo molto perché racconta la vita quotidiana dei suoi personaggi con una delicatezza che ti rimane nel cuore e alla fine ti sembra quasi di viverci, a Holt. Te lo consiglio perché merita tantissimo.

Nella mia lista di autori da incontrare aggiungo anche Louise O'Neill :la:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy