Vai al contenuto
Bob

Notte d'inferno

Recommended Posts

 

NOTTE D'INFERNO

D'ombra si riempie
la tetra notte.
Visi smarriti,
anime in sangue,
per la strada
corrono.

S'avverte il fuoco,
l'odio,
il dolore.
S'insinua la paura,
le urla
che dilanian il petto.

Nulla interessa,
nulla importa
a quelli come me.
Si cammina, 
si punta
e si uccide.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Bob, bella poesia. Bella anche da leggere. Mi spiego meglio: sono un attore dilettante e qualche tempo fa ho seguito un corso di lettura di poesie. A quel corso mi hanno detto che quando si legge per il pubblico è imperativo fare una pausa nel punto in cui il poeta è andato a capo; non c'è se e non c'è ma: dobbiamo far capire al pubblico che il verso finisce lì. Punto.

Come potrai immaginare, non è sempre così semplice seguire questa regola; ci sono poesie in cui verrebbe prprio voglia di legare tutte le parole perché suoerebbero proprio meglio ma, ahimé, quell'attore che ci ha fatto il corso (tale Eugenio Allegri) aveva ragione, inutile dirlo.

Da quella volta, quando leggo una poesia, non riesco a fare a meno di leggerla pensando a questa regola e spesso mi rendo conto che per alcune sarebbe difficile seguirla per i motivi di cui sopra.

Passiamo ora ai versi. Belli anche nelle immagini che creano, lo scenario immediatamente definito dal primo verso viene popolato da personaggi altrettanto ben descritti con quelli successivi, piu evocativa tra tutte quella delle anime che sanguinano.

Nella seconda strofa entrano in gioco anche i sentimenti che vanno a caricare di imponente drammaticità la scena.

Il finale è una vera sorpresa. L'anti-eroe che parla a viso aperto nell'ultima strofa delineando i suoi stessi tratti caratteriali, il cinismo che permea l'animo di questa persona che parla di quello che fa quasi come fosse un semplice mestiere.

Complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo lavoro è davvero bello. Studiato mi pare anche il ritmo del componimento, l'uso non banale dell'enjambement nella prima strofa dilata l'ombra che avanza nel primo verso e focalizza l'attenzione sulla corsa disperata al sesto. Una notte di sangue e di fuoco viene descritta. Tu ci fai sapere di esserti ispirato alla notte dei cristalli, ma in realtà il componimento potrebbe benissimo parlare di notti a noi più vicine, come quelle dei  più recenti attentati terroristici. Il dolore e le urla non sfiorano il protagonista del componimento, che meccanicamente porta a termine il suo compito senza ripensamenti, senza palpiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace perchè apparentemente semplice e molto evocativa. Posso quasi immaginarmi l'assassino, silenzioso e letale farsi strada nel buio della notte

Bella

 

Lollo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy