Vai al contenuto

Editor - Chi è, cosa fa


Ultima Pagina
 Share

Recommended Posts

  • Amministratorə
Cita

Nella filiera che porta dal manoscritto al libro stampato, alcune figure sono chiare anche ai non esperti, altre molto meno. Il correttore di bozze, per esempio, è intuitivo. Il grafico magari non si sa bene come riesca a fare quel che fa, ma impaginazione e copertina sono sotto gli occhi di tutti.
Uno dei ruoli più misteriosi è quello dell’editor.

Qui l'articolo di Eugenio Saguatti (alias Panofsky) sulla figura dell'editor

  • Love 1
Link al commento
Condividi su altri siti

  • Ayame pinned this topic
  • 2 settimane dopo ...

 

Ho letto l’articolo e mi piacerebbe aggiungere qualcosa.

L’editor rappresenta davvero l’anello di congiunzione tra l’autore e la casa editrice, in quanto oltre a poter leggere i manoscritti, magari passati già al vaglio dai lettori professionisti, si occupa poi  di garantire quella “linea editoriale” (https://it.wikipedia.org/wiki/Linea_editoriale#:~:text=Per linea editoriale si intendono,o in un canale televisivo) e la miglior forma possibile dei romanzi che si intendono pubblicare.

L’aspetto ancora poco esplorato della questione resta il proliferare degli “editor freelance”, i quali non sono legati a nessuna casa editrice, guadagnano di più per lavorare a un singolo manoscritto e hanno dei servizi rivolti principalmente agli autori. Non seguendo una linea editoriale, non possono garantire la pubblicazione del manoscritto e nemmeno se questo possa poi mai aspirare alla messa in commercio. Può sembrare un “editare libero”, sicuramente revisionabile da altri colleghi, che già lavorano presso delle case editrici (ricordando che sono questi che effettuano l’ultimo editing prima della stampa), ma resta una “buona palestra” per lo scrittore. Il romanzo permane nel famoso cassetto, per quanto riguarda la strada con gli editori, sappiamo benissimo che nel self-publishing ancora non c’è una selezione dall’alto.

È un fatto certo che gli editor svolgano un lavoro indispensabile e io stessa ne riconosco l’importanza, allo stesso tempo, però, come è possibile giudicare il giudicante?

Il curriculum dovrebbe sempre servire come punto di riferimento, anche per conoscere il livello di professionalità della persona che si sta occupando del nostro testo.

Come base di partenza, occorre almeno una laurea di tipo umanistico che ne certifichi le competenze.

Qui alcuni sbocchi professionali: https://www.wecanjob.it/archivio21_lavoro-lauree-umanistiche-sbocchi-professionali_0_460.html

Si può anche essere degli autodidatti, ma chi assumerebbe una persona senza alcun titolo?

Naturalmente, poi occorrono dei corsi che ne certificano la competenza e i lavori effettuati con dei risultati tangibili.

Fatto questo, come mettere ancora alla prova il nostro editor?

Fa un po’ sorridere pensare che le “prove gratuite”, solitamente fornite dagli editor freelance, si basino solo su poche cartelle…L’editor dovrebbe leggere l’intero romanzo e poi proporre il tipo di lavoro che vorrebbe eseguire. Per intenderci, quando viene qualcuno a casa nostra per un lavoro, il professionista dovrebbe mostrarci la “soluzione” che intende adottare per un nostro “problema”, quando le scelte sono condivisibili e c’è una parità d’intenti, allora, si può commissionare il lavoro. Questo è il mio punto di vista e da questi studi poi si potrebbe stimare anche un preventivo. Mi piacerebbe leggere delle opinioni a riguardo.

Grazie.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 mesi dopo...

Unisciti alla discussione!

Puoi scrivere ora e registrarti dopo. Se hai già un account collegati subito!

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy