Vai al contenuto

Sessismo


Russotto

Messaggi raccomandati

Spoiler

L'ho buttata giù di getto. Potrebbe rimanere così, un dialogo brevissimo da rappresentare come intermezzo o essere arricchita per diventare qualcosa di più lungo e completo.

Lui    Mi hanno offerto una parte.
Lei    Una parte?
Lui    Sì
Lei    Che parte?
Lui    In una commedia
Lei    E che ruolo sarebbe?
Lui    Un maschilista.
Lei    Un maschilista?
Lui    Sì.
Lei    Tu?
Lui    Io.
Lei    Nooo.
Lui    Sì.
Lei    Tu!
Lui    Io.
Lei    Un maschilista!
Lui    Un maschilista.
Lei    Impossibile.
Lui    E invece no.
Lei    No.
Lui    Sì.
Lei    No, intendo dire non tu.
Lui    Perché?
Lei    Perché no.
Lui    Che razza di risposta è “perché no?”
Lei    Tu non sei maschilista.
Lui    Non ha alcuna importanza.
Lei    Invece sì.
Lui    Invece no.
Lei    Tu non sei mai stato maschilista.
Lui    Nemmeno questo ha importanza.
Lei    Come fai a fare il maschilista se non sai come si fa?
Lui    Certo che lo so.
Lei    No.
Lui    Sì.
Lei    Dimostramelo.    
Lui    Cosa?
Lei    Fammi vedere come fai il maschilista.
Lui    Non posso.
Lei    Visto?
Lui    Mi serve il copione. E non ce l’hanno ancora dato.
Lei    Non sei capace.
Lui    Sì che lo sono.
Lei    Allora dimostramelo.
Lui    Ma serve il copione, la scena, le battute.
Lei    I veri maschilisti non hanno bisogno del copione.
Lui    Sembra quasi che tu li stia elogiando.
Lei    No.
Lui    Sì.
Lei    Sto solo dicendo che un vero maschilista non ha bisogno di leggere un copione per essere maschilista.
Lui    Io sono un attore. Se dovessi fare la parte di un assassino, dovrei uccidere qualcuno per davvero?
Lei    Non è la stessa cosa.
Lui    Sì.
Lei    Avanti improvvisa.
Lui    Cosa?
Lei    Sei un attore. Improvvisa.
Lui    Improvviso cosa?
Lei    Fai una scena da maschilista.
Lui    Non ci penso nemmeno.
Lei    Visto?
Lui    Visto cosa?
Lei    Non sei capace.
Lui    Non diciamo sciocchezze.
Lei    Non dico sciocchezze!
Lui    Sì.
Lei    Se veramente credi di esserne capace dimostralo.
Lui    No.
Lei    Avanti!
Lui    No.
Lei    Di una frase sessista, solo una.
Lui    Certo che no.
Lei    Perché?
Lui    Perché non prendo ordini da una donna.

  • Love 4
  • Grazie 1
  • Haha 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Vada per qualcosa di più lungo e completo. Potrebbe essere interessante (e la chiusa è ambigua: alla fine lui ha improvvisato, come lei gli chiedeva, oppure è il maschilista che lei non credeva?).

Aspetto la versione di uno scambio più complesso.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie, @Russottoper questo divertentissimo dialogo. Secondo me è proprio l'ambiguità finale a renderlo divertente. Credo, ma posso sbagliarmi, che allungarlo non gioverebbe. Le possibilità non sono solo due, comunque. Ne segnalo una terza, più filosofica e meno divertente. 

Lei  Non prendi ordini da una donna? Maschilista!
Lui  No!
Lei  No, che?
Lui  Non sono maschilista. 
Lei  Mi canzoni? Hai appena detto che non prendi ordini da una donna.
Lui  Infatti, non prendo ordini da nessuno. Sono anarchico.

  • Love 1
Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie a voi @zio rubonee @Niji.

L'idea di ampliare il testo nascerebbe dall'esigenza di renderlo più utilizzabile. Così se ne può fare uno stacchetto da cinque minuti. Se attorno a questa idea si ricamasse un dialogo più lungo si potrebbe arrivare ad avere un atto unico.unico.

Grazie ancora per i vostri commenti.

  • Love 1
Link al commento
Condividi su altri siti

20 minuti fa, Russotto ha scritto:

L'idea di ampliare il testo nascerebbe dall'esigenza di renderlo più utilizzabile. Così se ne può fare uno stacchetto da cinque minuti. Se attorno a questa idea si ricamasse un dialogo più lungo si potrebbe arrivare ad avere un atto unico.

Piuttosto vedrei bene un serie di scambi di battute di questo tenore. Un po' come nel varietà di un volta.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 mese dopo...
  • 1 anno dopo...

Ciao Russotto, dialogo molto carino. Ci hai poi ancora lavorato per allungarlo? Mettendo un po' di contesto potresti almeno farlo diventare un corto sui 5 minuti. Sinceramente per le caratteristiche che ha, però, non lo allungherei di più perché rischieresti di snaturarlo.

Sicuramente da fare è aggiungere le didascalie (descrizione spaziale della scena, azioni dei personaggi, eventuali intinazioni della battuta, ecc.), essenziali per il teatro.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 settimane dopo...

Ciao @Swin9, grazie mille per il tuo commento.

Visto che sei del mestiere prendo per più che valido il tuo consiglio; tuttavia ti spiego perché non sono presenti didascalie o riferimenti: ho preferito lasciare solo il dialogo perché penso che se un giorno qualcuno volesse metterlo in scena avrebbe maggiore libertà di interpretazione.

Va anche detto che io me l'ero immaginato proprio così, solo due persone in scena e le battute. Nient'altro.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 7 mesi dopo...

Ciao Russotto, scusa se ci ho messo tipo 7 mesi a risponderti:bawling:

Tu come autore hai assolutamente tutto il diritto di scrivere come vuoi, quindi il testo va benissimo così come l'hai pensato. Volevo però farti presente che in realtà la scrittura per il teatro è molto diversa da quella narrativa, ciò che cambia principalmente è il corpo: ovvero, tu non stai scrivendo come per un romanzo/racconto di narrativa per l'esclusiva immaginazione di un lettore, ma prima di tutto scrivi per l'attore, e l'attore è un essere umano in carne e ossa che occupa uno spazio e ha una voce. Questo vuol dire non solo che devi scrivere immaginando battute che effettivamente siano pronunciabili (la lettura ad alta voce per un autore di teatro è ancora più essenziale che per un romanziere proprio per questo), ma anche dare istruzioni sul tipo di intonazione, sui gesti, sui movimenti, ecc... Certamente senza esagerare, perché come giustamente dici poi il resto dei "comparti tecnici" (regista, attori per teatro, ma per tv/cinema ci sono anche molte altre figure) deve dare una propria interpretazione (e infatti spesso regista/attori cambiano battute e non solo), però è importante che l'autore prima di tutto renda chiara la propria interpretazione, la propria visione. Nel teatro italiano spesso la collaborazione è stretta, quindi capita che poi il regista/attore chieda ulteriori spiegazioni all'autore (es. "ma questo come l'hai immaginato?", "ma qui cosa volevi intendere?"), quindi capisci che se di partenza non c'è proprio nulla ma solo battute nude e crude rischi di mettere in difficoltà chi legge e non colpire nel segno perché non riescono a immaginarlo sul palco! (E chi legge qui sarebbero eventuali produttori, il regista, ecc.) 

Ok, mi è venuta una spiegazione-pippone, scusa ma la capacità riassuntiva non è cosa mia... anche se in realtà il discorso sarebbe ancora più lungo e complesso, quindi insomma, forse me la sono cavata!
Aggiungo un'ultima cosa che mi è venuta in mente ora: tra i testi per teatro/cinema/tv ecc., quello forse che può essere più stringato è quello per radio (se mai qualcuno ne scrive ancora, di radiodrammi), proprio perché lì hai solo la voce/suoni a disposizione, quindi anche le indicazioni dell'autore saranno minime (e riguarderebbero solo intonazione, pause, al massimo suoni di sottofondo...). Forse ho un testo che avevo scritto a questo scopo, se lo ritrovo lo posto, che magari può aiutare a dare meglio l'idea! :)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Swin9, grazie ancora. Non preoccuparti per i sette mesi o la spiegazione-pippone. Dal modo in cui parli si evince che hai una certa esperienza in materia quindi benvengano le tue osservazioni.

  • Love 1
Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 mese dopo...

Lascerei così. Va bene l'esperienza ma il dialogo è convincente. Devo fare i complimenti all'autore\autrice - non che il mio parere sia fondamentale, per carità - per aver saputo cogliere e rendere un argomento tanto spinoso e delicato. Come ha detto AlexMai, buona la prima!

  • Love 1
Link al commento
Condividi su altri siti

  • 5 mesi dopo...

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×
×
  • Crea Nuovo...

Informazioni importanti

Abbiamo inserito dei cookies nel tuo dispositivo per aiutarti a migliorare la tua esperienza su questo sito. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti puoi accettarli cliccando su continua. Privacy Policy

  • Indice
    Attività
    Accedi

    Accedi



    Cerca
    Altro
    ×