Vai al contenuto

Recommended Posts

Proviamo a scrivere un tautogramma. Si accettano componimenti a tema libero in prosa o in versi. La sola regola è che tutte le parole devono avere uguale iniziale. Comincio io con un esempio con la s. E' un s-tautograma in sei distici, settenario più endecasillabo. E' pure un omaggio al David Bowie "Ziggy Stardust" di Space  Oddity.

Stranezza Spaziale

 

Stramaledetta sii, 
selvaggia sciamana, sordida strega! 
Sono stato sedotto, 
sorpreso, stanato, sospinto. Sbarcai 
sotto soli stranieri. 
Soluzioni sulfuree scorrono 
su scoscese scarpate. 
Striscianti serpenti soffian sibili 
spaventosi. Silenzio!
Sarò sbudellato, senza speranza,
sotto soli stranieri,
stelle sconosciute. Senza speranza.

 

  • Love 2
  • Grazie 2
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Solitario, stava sulle scale spegnendo sigarette sulla soglia scheggiata.
Secco Scirocco spirava sui sassi spargendo sottile sabbia sulle silenziose strade soleggiate. Succedeva spesso, sebbene sembrasse sempre strano.
Seduto, sguardo sollevato sulla sera sbiadita, si sentiva scaricati sulle spalle stanchezza, sofferenza, solitudine. Solita situazione senza soluzione, solo sopprimersi.
Semplice, sceglierlo. Sebbene, senza suicidarsi, sarebbe stato sufficiente scappare, sbarcare su suolo straniero, sfuggirle senza sentirsi sfinito. Stare solo.
Sarebbe stato splendido sdraiarsi sulla sabbia soffice, sentirsi sereno senza subire sospettosi sguardi sul suo scottante segreto: Sofia Selene, sirena senza salato strascico spumoso!
Scorgerla, significava subito smarrirsi, sciogliendosi su stonate serenate sulla sua strada.
Sentiva stranissime storie su Sofia Selene, scherzandoci sempre sopra sarcasticamente. Sembravano solo sciocche. Sapendole sincere, sarebbe scappato: Sofia Selene stregava sul serio. 
Suo schiavo silenzioso, sognava solo spogliarla, stendersi sui suoi seni, stringerla, sentirla sospirare. Si sentiva sfinito, sempre sperando succedesse.
"Stupido sgorbio!" sibilò sulla sua stampella, scivolata sulla scala.
Stancamente si soffocava sigaretta su sigaretta, sottilissimo scheletro senza sudario.
Sofia Selene, sempre splendida, salutava sorridendo sulla strada; senza sguardi sul suo schiavo storpio, spiacevole statuina senza sesso. 
Senza sentimenti sarebbe stato sereno, si sapeva.
Subendoli si stava svuotando senza speranza.
Sarebbe stato semplice suicidarsi, sarebbe stato semplice strangolarla! Si sentiva stravolto: sfuggirle sarebbe stato sicuro?
Si sentivano strane storie su Sofia Selene, strane storie senza senso.
Settanta settembri sulle sue spalle stranamente sembravano sedici.
Seppellita, svegliata, sempre signorina.
Sofia Selene, splendente sirena; spaventosa succhiasangue.

  • Love 3
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla discussione!

Puoi scrivere ora e registrarti dopo. Se hai già un account collegati subito!

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy