Vai al contenuto

Corrado Aiello - Rime Selvagge (E...)


Recommended Posts

Ciao, amici e amiche di UP! Inizio col ringraziarVi per l'accoglienza, aggiungendo i complimenti per l'ottimo lavoro che svolgete su e per questo interessantissimo blog culturale, davvero un ottimo strumento e punto di riferimento per moltissimi che come me leggono, scrivono e si interessano un po' di tutto il mondo della scrittura e dell'editoria.
Dunque, io inizio il mio percorso di scrittura e di ricerca diversi anni or sono, si può dire, in età adolescenziale, per poi approdare lentamente nel corso degli eoni (:D) a una prima maturità stilistica. Ho sempre affiancato allo studio un nutrito e vario numero di letture e di prove empiriche, raramente giungendo a un che di soddisfacente ed esteticamente buono. Tant'è, mi sono autocensurato per mooooooooltissimo tempo. Sapete, il tempo si dilata quando si entra nella dimensione dello spirito... Il percorso di studi mi ha forse aiutato forse rallentato nel mio procedere artistico, ma è ciò che ho scelto e che mi ha scelto, per cui Lettere Moderne e Filologia Moderna sono state due tappe necessarie. Lentezza, infinita pazienza e tenacia (e frustrazione) per raccogliere quasi sempre briciole. Aiuti? Nah, quasi zero! E come si fa a resistere e a credere sempre nel proprio sogno? Uno contro Tutti? Più o meno.
Ho iniziato ad attaccare da tutti i lati, a provare tutte le tattiche e le strategie utili! Ho attaccato sapendo di essere già morto. Con quella disperazione, amiche e amici che mi leggete... una disperazione tremendamente volitiva. E solo chi lo vive può sapere... Ma!
Ma alla fine qualcosa è successo, qualcosa ( seppure   i m p e r c e t t i b i l m e n t e  ) ha iniziato a incrinarsi, e poi a spaccarsi, e poi a vacillare! E cos'era? Ma cosa, se non il guscio dell'uovo da cui volevo e dovevo uscire (un uovo che nel contempo stavo fecondando)! Ah, che epica, ragazz*, che epica!
Quante morti e quante rinascite! Non è mica uno scherzo, uno rischia di rimanerci secco.
E niente, il costo è elevato, ma la tua Voce spunta, emerge, spiana le montagne, travolge infine tutto e tutti. E lo fa con grazia ed impeto. In un difficilissimo equilibrio stante il segreto, tra segno e macchia, forma e contenuto, grido e canto. Abbiate l'umiltà che ho avuto io per costruirmi e distruggermi, siate audaci ma onesti. Ora leggete il mio primo libro di poesia, giacché esso è creatura vivente, figlio benedetto e maledetto di sangue e destino. Irripetibile esempio. Ma sappiate che non giungo a ciò senza apprendistato, senza immani malesseri e traumi. Dunque Vi auguro rispetto. Una parola importate (e che non guarda solo al passato). La mia voce è presente un po' in giro nella Rete (racconti, traduzioni, prosimetri, haiku et similia), serpeggia su alcune antologie e riviste (nazionali e internazionali), si esprime in più lingue, in un'unica lingua universale. La lingua degli amori e dell'Amore.

GRAZIE <3

RIME SELVAGGE.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Ayame changed the title to Corrado Aiello - Rime Selvagge (E...)

Unisciti alla discussione!

Puoi scrivere ora e registrarti dopo. Se hai già un account collegati subito!

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy