Vai al contenuto

[Poesia] - Minigioco


Recommended Posts

Partorito da un'idea di @Francesca Penelope, ecco a voi un minigioco di poesia!

E' gioco, non un contest, quindi non ci saranno vincitorɜ. Semplicemente ci si diverte.

Scopo del gioco: creare una poesia in rima baciata con una parola utilizzata come prima rima. La parola in questione è  "stanze".

Potete usare tutte le costruzioni che desiderate. L'importante è lo schema della rima baciata quindi almeno un AA (poi potete fare AA BB CC; AA BB AA BB; AA AA AA...).

Mi permetto di prendermi l'onore di dare inizio alle danze:

 

Vaghiamo per stanze
lontane e, con danze
vuote, in mezzo a presenze
anneghiamo violenze
traumi, lontananze.

Mascheriamo mancanze
di svariate sentenze -
compulsive esigenze
dell'altrui rimostranze
perse nelle speranze.

  • Love 3
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ultimo giro per le nostre stanze

custodi di tante disattese speranze 

prima di spegnere luci e chiudere le porte

in fuga dal dolore e dalla precoce morte.

 

Lacrime in corsa, strada lunga e sfocata

anima bucata e di vendetta accecata 

ultimo grido si leva al cielo annerito 

prima di cadere in piedi stanco e rattrappito. 

 

 

Non scrivo poesie da un po', interamente in rima poi. @Arcadia sii clemente :P 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Love 2
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco la mia entry

 

Sono sola in queste stanze,
vago nuda, e le speranze
sono stinte, stanche e sante.
Dal mio cuore che va errante
s'alza un grido assai pressante,
nella testa è già assordante.


Non lasciare la tua pelle,
le tue membra stanche e belle.
Resta dentro il labirinto
trova pace, ed avrai vinto.

Gioco divertente, nata poesia abbastanza nera 🤣

@Arcadia e @Emy mi avete reso meno noiosa la rima baciata, grazie

  • Love 2
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi, se dici "Gioco", io arrivo di corsa.

Abbi pietà di me, @Arcadia please! Come noterai tra poco, la poesia non è il mio forte. 

 

 

C'è un grande dolore nelle distanze

e a volte non scorgi più vicinanze.

Fa male anche solo svegliarti

lavorare, mangiare, distrarti.

 

Nella testa ricordi di mille fragranze

rivivi le immagini di antiche vacanze

ma è solo un continuo ammalarti

logorio nel sperar d'incontrarti.

 

Coltelli taglienti: mancanze

messaggi, promesse, speranze

Non riesci e non vuoi più accontentarti

ma sai che nessuno verrà mai a salvarti.

 

Un giorno qualcuno  riapre le danze

ma sei troppo stanca e senza speranze.

 

  :testamuro:   *va a nascondersi*

 

 

 

 

 

  • Love 2
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho provato anche io: avevo questa immagine dell'inganno correlata a pescare delle persone...

 

Dietro a tutte le stanze
ci sono le apparenze
giocose mancanze
lanciano le lenze
arrivate al presente
pescano l'imprudente

 

  • Love 1
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il sommo @Arcadiami ha fatto notare che sono partita a Razzo (leggere con la C) e che avrei dovuto iniziare dalla parola Stanze

provo a rimediare  Chiedo scusa :facepalm:

 

 

C'è un grande vuoto nelle mie stanze

e a volte non scorgi più vicinanze.

Fa male anche solo svegliarti

lavorare, mangiare, distrarti.

 

Nella testa ricordi di mille fragranze

rivivi le immagini di antiche vacanze

ma è solo un continuo ammalarti

logorio nel sperar d'incontrarti.

 

Coltelli taglienti: mancanze

messaggi, promesse, speranze

Non riesci e non vuoi più accontentarti

ma sai che nessuno verrà mai a salvarti.

 

Un giorno qualcuno  riapre le danze

ma sei troppo stanca e senza speranze.

  • Grazie 1
  • Haha 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Potessi ora parlarti, ricorderei le stanze
in cui inventavi spazi, piegando le distanze
In cui mi sono perso, scavando poi un'uscita
in quel tuo freddo timpano di anima intristita.

Potessi ora parlarti per dirti che mi manchi
le mani, gli occhi, l'ombra, la curva dei tuoi fianchi,
so già che mi diresti che sono troppo solo
restando abbandonato dove hai spiccato il volo.

Non crederlo rimpianto, non è quello che sento
per dirtelo comunque mi resta solo il vento.
Purtroppo la tua voce ha perso ogni cadenza
perduta lontanissimo come gettata lenza.

Non eri così fragile e non ero così forte
e il nostro tempo insieme ha avuto nota sorte.
Lo chiamano un po' uscire e parlano di porte.
Anch'io ho paura, troppa, di dirla solo Morte.
 

Modificato da Mattia Alari
  • Love 2
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 settimane dopo ...


Tra quelle vuote stanze
incolmabili distanze,
fuggevoli quiescenze
di passate esistenze...

Ritorno lì ogni tanto
nell’ora del tramonto,
giornate a meditare
appeso a ragnatele;

da solo all’imbrunire
ancora ad inseguire
fantasmi d’altri tempi,
a sussurrare ai venti...

E nel cuore della notte,
protetto dalle ombre,
sempre e solo a Te
ritorna la mia mente.

Modificato da Wanderer
  • Love 1
  • Grazie 1
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla discussione!

Puoi scrivere ora e registrarti dopo. Se hai già un account collegati subito!

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy