Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra risultati per il tag 'poliziesco'.



More search options

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Forum

  • Incipit
    • Info Point
    • Ingresso
  • On writing
    • sUPporto Scrittura
    • PowerUP Creativo
    • Narrativa
    • Sceneggiatura
    • Poesia
    • Arena
  • LetterArea
    • (Parliamo di) Libri
    • In Vetrina
  • Editoria e dintorni
    • Catalogo Editori
    • Agenzie e Professionisti
  • Community Lounge
    • Bar Sport
    • Companion's Circle

Find results in...

Find results that contain...


Data di creazione

  • Start

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Start

    End


Filter by number of...

Iscritto

  • Start

    End


Gruppo


Hai già pubblicato?


Il tuo sito


I tuoi libri


Facebook


Twitter


Instagram

Trovato 9 risultati

  1. Non stiamo parlando di una serie, ma DELLA serie. 20 stagioni per un totale di 456 episodi (che purtroppo non aumenteranno ). Fin troppo poco per descrivere questa serie, anche se alla fine dei conti è questo che tratta: c'è un crimine, nella prima parte della puntata ci sono le indagini della polizia e nella seconda parte il processo in tribunale. Penso ormai di aver imparato metà leggi dello Stato di New York Esistono ben cinque spin-off, ma preferisco di gran lunga l'originale. Spero di non essere l'unica a seguire questa serie (ormai l'appuntamento su Giallo è fisso, sto pure coinvolgendo mio padre ), e se non ne avevate mai sentito parlare ci vediamo in un'aula di tribunale
  2. Ayame

    Broadchurch

    Ho appena finito di vederla e sono in estasi. È un giallo/thriller/poliziesco del 2013, sono due stagioni di 8 episodi ciascuna; ho appena finito di vedere la prima stagione. Il protagonista maschile è interpretato da David Tennant; è una serie britannica, scritta e ideata da Chris Chibnall (futuro nuovo showrunner di Doctor Who) e ho appena scoperto che ne è stato realizzato un remake americano sempre con Tennant protagonista, intitolato "Gracepoint" Questa è la trama da Wikipedia, e davvero, non si può dire di più. Ogni scena nasconde qualcosa, ogni persona ha un segreto, i fili sono ingarbugliati e fino all'ultimo si rimane col fiato sospeso. È una serie che coinvolge ed emoziona, e personalmente mi ha tenuta incollata a Netflix per le ultime quattro ore consecutive. Qualcuno di voi l'ha vista? (P.S.: ho appena visto che a febbraio è stato confermato il rinnovo per la terza stagione )
  3. Chi non l'ha visto? È stato uno dei primi telefilm che ho seguito, l'ho letteralmente adorato e ho visto anche il film che è uscito qualche anno fa. La prima stagione è secondo me la migliore, la seconda bella, la terza meno, ma si vedono tutte con passione. Ecco la trama (presa da Wiki ma senza nessuno spoiler) per quei pochi (spero) che non lo conoscono. Veronica Mars è una studentessa del liceo di Neptune, un'immaginaria cittadina sulla costa della California caratterizzata da un'atmosfera particolarmente classista, ed è la figlia del rispettato sceriffo del posto, Keith Mars. Quando la sua migliore amicaLilly Kane, sorella del suo fidanzato Duncan, viene uccisa, la sua vita cambia radicalmente. Suo padre viene messo a capo delle indagini, che però vengono interrotte quando un uomo, Abel Koontz, si costituisce dichiarandosi colpevole. Keith Mars viene deriso e obbligato a dimettersi dalla carica di sceriffo per aver accusato dell'omicidio il padre di Lilly, milionario della città e presidente della Kane Software. Veronica è costretta a scegliere tra suo padre e i suoi amici e finisce con l'essere emarginata dai suoi compagni di scuola. Sua madre non regge l'umiliazione e lascia la famiglia e la città, scappando all'improvviso. Costretto a trovarsi un nuovo lavoro, Keith apre un'agenzia investigativa, dove lavora insieme alla figlia. Veronica Mars è un gran bel personaggio, ogni puntata ha un mistero da scoprire ma ogni serie ha un filo conduttore, nella prima ad esempio deve scoprire chi ha ucciso la sua migliore amica e... scoprire chi è stato non è affatto semplice. Un ottimo telefilm, assolutamente consigliato.
  4. Mari

    White Collar

    La serie narra le vicende di un criminale, Neal Caffrey, specializzato in truffe, contraffazioni e furti di opere d'arte che viene catturato da un agente dell'FBI, Peter Burke. Viene costretto a collaborare con lui per catturare altri truffatori in cambio della libertà vigilata, controllata con una cavigliera elettronica che gli impedisce di scappare. Hanno girato sei stagioni. Questa serie mi fa impazzire per varie ragioni. Una delle principali è perché Neal Caffrey è interpretato da Matt Bomer ( ), ma anche perché è molto divertente, ha un po' di romance e di spionaggio che non guastano mai ed è ambientato in una New York da sogno. Bella veramente, spero di riuscire presto a recuperare le ultime serie che ancora non ho visto. Ok, rifatevi gli occhi!
  5. Gigiskan

    Quantico

    Protagonisti della serie sono le giovani reclute dell'FBI, in formazione presso la base di Quantico. Ognuno di loro nasconde un segreto, grande o piccolo che sia, che lo rende un possibile colpevole per aver commesso il più grande attentato terroristico dopo quello dell'11 settembre del 2001. La serie è costruita attraverso flashback su due piani temporali che si alternano. Ogni puntata aggiunge un tassello a un mosaico immenso, i cui contorni sono indefinibili, e, proprio quando pensi di aver capito qualcosa, ti accorgi che non è così. I pezzi combaciano sempre tra loro, nulla è lasciato al vento. E i personaggi hanno anche un certo spessore psicologico che li rende unici e speciali, anche se non tutti si fanno amare sempre. Di solito la prima puntata non riesce mai a catturarmi. La prima puntata di Quantico però è diversa: la guardi e ti innamori subito della serie. Ci sono solo una decina di puntate per ora, quindi ci si mette in pari subito. Guardate e innamoratevi
  6. Ospite

    Dexter

    Sono stato incollato al PC per tre giorni, ma guardando le cose online prima o poi finisco per perdere interesse. Serie molto bella, ti fa venire voglia di uccidere qualcuno (esperienza personale). Ciò che più mi piace è il black umor tutto particolare della serie, il protagonista complessatissimo che sembra il solito bravo ragazzo che però ammazza le persone, le fa a pezzettini e le getta nell'oceano dentro dei sacchi della spazzatura. Metodico, sadico, apatico, freddo e calcolatore. La consiglio a tutti, vivamente!
  7. L'adoro per tante ragioni. Ogni episodio comincia e finisce con uno scatolone da cui escono domande e alla fine si ripongono risposte. Mi piace l'andamento tranquillo, introspettivo e giocato su ricostruzioni e flashback. Adoro i montaggi di sequenze passato/presente. Mi piace la cura con cui scelgono gli attori che interpretano i vari personaggi e come ricostruiscono somiglianze attendibili. Mi piacciono le storie quasi sempre drammatiche e intense e l'idea di questa giustizia che arriva postuma ma arriva. E ci sono quasi sempre colonne sonore molto belle e collegate al tempo in cui la vicenda si svolge.
  8. Odierò per sempre gli americani per aver cancellato uno dei miei telefilm preferiti proprio sul più bello, almeno finire la stagione? No, tagliata a metà, che tristezza! Non so se consigliarla, perché tagliata così fa rimanere veramente male, ma è una serie davvero molto bella, a voi l'ardua sentenza. Ecco la trama (sempre Wiki, sempre priva di spoiler) La serie narra la storia di una ragazza americana, Tru Davies (interpretata da Eliza Dushku), laureata in medicina e impiegata presso l'obitorio cittadino. Tru ha un misterioso potere, che le permette di rivivere le giornate quando il cadavere di una persona morta solitamente non per cause naturali le chiede aiuto, in modo da poterne impedire la morte.
  9. Gigiskan

    Castle

    Richard Castle è un noto giallista americano. Irriverente, acuto e ironico, decide di trarre ispirazione per i suoi prossimi romanzi dalla sua nuova musa, Kate Beckett, detective della sezione omicidi nella polizia di New York. Castle e Beckett cominciano a lavorare e a risolvere casi insieme, ma il rapporto tra i due non è esattamente roseo all'inizio. Con il tempo imparano ad accettare e apprezzare i difetti l'uno dell'altra e a fidarsi, fino a stringere un meraviglioso rapporto, sebbene fatto di alti e bassi, di momenti di gioia infinita e di tristezza assoluta. Castle è la prima serie che abbia mai seguito in vita mia (mi hanno letteralmente costretto a guardarla, e ringrazio per questo!) e ci è voluto poco tempo perché me ne innamorassi. Guardare una puntata di Castle significa assistere a uno spettacolo intelligente e divertente al tempo stesso, ma non mancano gli episodi emozionanti, quelli che fanno piangere, quelli che fanno arrabbiare, quelli che fanno tirare un sospiro di sollievo. Perché la storia di segreti e misteri che coinvolge Beckett e la sua famiglia porta a vivere un'avventura entusiasmante e magnifica. Ho tremato e pianto tanto, vi giuro. Le prime stagioni, almeno fino alla quinta, sono le migliori. Dalla sesta in poi mi sembra di avvertire una pesante caduta di stile, che in alcuni punti ha reso irriconoscibile LA serie della mia vita (il primo amore non si scorda mai). Con la seconda parte dell'ottava adesso per fortuna si sta riprendendo però. Secondo me vale la pena dargli un'occasione
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy