Vai al contenuto

Crizia

Veteranə
  • Numero contenuti

    156
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    15

Crizia last won the day on Luglio 5 2018

Crizia had the most liked content!

Reputazione Forum

86 Excellent

Su Crizia

  • Rank
    Espertə
  • Data di nascita

Informazioni personali

  • Hai già pubblicato?
    No, non scrivo

Visite recenti

809 visite nel profilo
  1. Tanti auguri (in ritardo) ?
  2. Figurati: mi fa piacere incontrare qualcun altro a cui piacciano certe cose. "Carneade, chi era costui?"
  3. E' una storia più lunga di quello che potrebbe sembrare e ti risparmio i dettaglio. Ti dico solo che è legato a una primissima fan-fiction che avevo pensato (scrivendone qualche brano qui e lì) una dozzina di anni fa in cui figurava un personaggio di nome Crizia a esplicito richiamo della sanguinarietà del personaggio e del suo governo. Un tempo sul WD (il vecchio forum di Linda) il mio nickname era Alexander91. Quando Linda poi ha aperto Ultima Pagina ho voluto cambiare nome, così, per segnare l'inizio di una nuova "avventura": mi è tornato allora in mente il nome di questo personaggio, lega
  4. Visto che non ho appunti specifici da fare, se non ti dispiace Gemini commento qui per entrambe le parti del tuo racconto. Hai uno stile già ben definito (il che mi suggerisce che tu sia abituato a scrivere, o quantomeno a parlare), e in generale usi termini specifici e appropriati. Attento ogni tanto a cadere in un lessico da cruciverba (tipo quando usi il termine 'liso'). Similmente, fai bene ad usare termini precisi, è utile spesso usare termini evocativi ed è ottimo usare termini non così comuni da essere compresi nel vocabolario minimale della nostra televisione odierna, ma attento a
  5. Divertente. Una delle cose più divertenti che abbia letto di recente. Che poi stimola anche tutta una riflessione sul ruolo della scrittura come strumento di auto-introspezione psicologica, ma non è questo il luogo. Comunque brava, mi è piaciuto molto: coniuga bene autoironia, umorismo alla chiarezza con cui il racconto è comunque trasmesso. E non è semplice far ridere.
  6. Ok Matt, se non ti dispiace faccio un commento unico qui per entrambe le parti, visto che non andrò molto nello specifico. Tieni anche conto che in generale potrei essere tarato dal fatto che in un certo senso 'ci conosciamo', avendo già letto altre cose tue qui sul forum. L'oggetto della storia è carino, nel senso che a me personalmente può piacere. Viva l'azione e le botte da orbi. Lo stile però non rende la cosa. Strascichi troppo, sei poco fluido, troppo pastoso. Periodi troppo lunghi quando invece sarebbero meglio frasi brevi (per, che ne so, imporre una narrazione veloce che di
  7. Sono d'accordo a grandi linee sull'utilità dell'uso e vien da sé che, come tutte le cose, il troppo stroppia. Ci tengo a fare però una riflessione/precisazione su questo passaggio, perché forse c'è un errore concettuale di fondo. Errore concettuale di fondo nel senso che forse siamo abituati a pensare (male) lo SdT in un certo modo, e questo ne provoca poi l'abuso. Forse di solito pensiamo allo SdT come uno stile di scrittura, un modo di scrivere. Nel qual caso sarebbe vero quanto detto nel passaggio sopra. Tecnicamente però questa concezione è errata. Lo SdT non è uno stile o una
  8. Crizia

    Chi incontrereste?

    Dipende dalla motivazione. Con Orazio mi ci farei volentieri una bevuta, e incontrerei Nietzsche giusto per curiosità, per vedere quanto era 'tocco'. In realtà non penso che avrei un reale interesse a incontrare qualche autore: se e quando leggo, sono le opere a interessarmi. Partendo dal presupposto che un autore comunica nelle proprie opere ciò che ritiene interessante comunicare, paradossalmente tutto ciò che c'è di interessante in un autore starebbe nelle sue opere, e quindi non ci sarebbe nient'altro di interessante nell'incontrarlo di persona invece che nel leggerlo. Non so se mi spiego.
  9. Io sto leggendo (da un po', ho quasi finito, mi mancano solo 200 pagine) Perdido Street Station. Bello bello bello.
  10. Crizia

    Auguri Crizia

    Ehi, ho letto adesso: grazie ragazzi, e scusate se rispondo solo ora.
  11. Come quasi sempre, concordo con Eudes: il supporto scrittorio è quasi irrilevante. Chi sa scrivere ci riesce con qualunque cosa, dal computer a un taccuino, o anche senza scrivere affatto. D'Annunzio il suo Notturno lo scrisse su delle striscioline di carta; nelle epoche più antiche spesso le opere letterarie erano composte e tramandate oralmente: fate un po' voi. Il grande mistero per me invece è quello sui contenuti: come fanno i narratori (scrittori, sceneggiatori etc.) a inventarsi le storie?
  12. Crizia

    Music history

    A me questo fa ridere.
  13. Rompo le palle: 'professionista' usato in questo contesto è fuorviante: 'professionista' è chi è pagato per fare qualcosa. Ad esempio, un corridore olimpico è un atleta dilettante, perché non è assunto o pagato da nessuno per farsi i 100 m di corsa. Francesco Totti invece è un atleta professionista, in quanto viene pagato dalla Roma per giocare a calcio. Uno scrittore 'professionista' allora è quello che ha un contratto con un editore (o che comunque si autopubblica e vende le proprie opere dietro compenso): paradossalmente, uno scrittore sotto contratto che ha delle scadenze da rispettar
  14. Crizia

    Presentazione

    Ciao Amanda, benritrovata!
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy