Vai al contenuto

Elyor

Companion
  • Numero contenuti

    115
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    24

Risposte risposto da Elyor


  1. Mi siete capitati sotto gli occhi. O per meglio dire, mi sono capitati svariati post su Facebook del forum :|

    In realtà vi conosco, se non proprio tutti (impossibile), almeno una buona parte di voi, principalmente lo "zoccolo duro" del gruppo. E chissà, forse qualcuno si ricorda pure di me :|

    Nella realtà mi chiamo Silvia, ero conosciuta sotto Elanor (che stupida, pensavo di avere quel nickname anche qui), ma nel corso degli anni l'ho storpiato in Elyor. Ho tipo una dozzina di Elyor nella mia testa, tutti personaggi delle mie storie, e a volte sinceramente la cosa mi lascia perplessa, visto che uso ancora questo nome nel mondo dell'internet.

    Che dire di me? Ne è passato di tempo e ne sono successe di cose… Mi sono laureata (due volte), mi sono trasferita all'estero, convivo (sì, sempre con lo stesso ragazzo), sono per l'ennesima volta disoccupata (ma questa volta per quella magica compagna di vita chiamata sfiga) e ho finalmente finito di scrivere una storia (primo draft, ma è già un successo!).

    E sono qui che vago, come al solito, cercando di capire che cosa vorrei fare della mia vita, dato che comunque il quarto di secolo l'ho superato T_T e insomma, è il momento di darsi una scrollata!

    E niente, che altro? Niente, la mia vita è tutto qua… E io sono ancora qua (eh già!) :D

    • Like 2

  2. On 18/8/2016 at 23:52, Russotto dice:

    Ancora no, e spreo che non mi capiti mai. Non sono certo di riuscire a evitare questa cosa ma credo fortemente che sia sbagliato fermarsi per una critica, per quanto forte essa possa essere.

    Domanda: quanto tempo riuscite a restare lontani da un manoscritto senza che il distacco crei problemi a riprendere e continuare il lavoro?

    Diciamo che sono messa così male che se mi allontano di qualche giorno non scrivo più :fuma:

     

    In che stagione scrivete di più?


  3. 10 minuti fa, Russotto dice:

    Vi è mai capitato di pensare che una storia o parte di essa fossero troppo pregne di riferimenti autobiografici, al punto di sentirvi a disagio come se vi foste messi a nudo?

    Dato che scrivo quasi solo fantasy (o storie con ambientazione fantastica) non ho questi problemi... Personalmente poi reputo la mia vita abbastanza noiosa, quindi non riuscirei mai a scriverla...

     

     

    Vorresti vedere una tua storia trasportata sul grande schermo o preferisci l'esclusività del libro?


  4. Ne ho due :asdf:

    Il primo è stato qualcosa come "mi hai fatto commuovere", e ci speravo, visto che era una lettera d'amore :asd:

    Il secondo, detto da più persone, è stato "inquietante, mi hai messo un'angoscia addosso" :asdf: In effetti era un pezzo in cui la madre della protagonista moriva :sss:

    Questo giusto per spiegare quanto poco faccio leggere le mie cose :asd:

     

    Parli mai delle trame dei tuoi "work in progress" con qualcuno o preferisci tenere il segreto?


  5. Qui c'è bisogno di una nuova sfida :la: Questo giro più semplice della precedente, che altrimenti al giorno 30 dobbiamo contare i morti :fuma:

     

    Una sfida semplice semplice ma che secondo me è interessante: ogni giorno dobbiamo leggere qualcosa. Ma NON libri o raccolte di poesie :asdf:

    Mica poteva essere così facile? :asdf:

     

    Un modo simpatico per spingerci a leggere qualcosa di diverso: può essere la lista della spesa, un articolo di giornale, il programma del saggio di fine anno dei pargoli... :asd:

    Se poi ciò che leggete si trova nell'internet, sarebbe carino linkarlo, in modo tale da creare una lettura a catena.

     

    Ci state? Siete pronti a buttarvi nella lettura? :li: 

     

    P.S. Siccome so che siete gran furboni, non va bene venire qui e scrivere per dieci giorni "oggi ho letto il giornale", "oggi ho letto gli appunti di scuola", "oggi ho letto una barzelletta su Facebook" :asdf: Diversificate, su, da bravi... :ohh: 

    • Like 1

  6. 1 ora fa, Mari dice:

    Domanda:

    Avete mai letto un libro che vi ha appassionato per tutta la trama e poi vi ha deluso nel finale? Se sì: quale libro?

    Oh cielo, tanti, perché comunque io ho una visione "sadica" del finale di un libro, specialmente se è un fantasy; sono molto affine a Martin, il classico finale dell'eroe che vince e tutti vissero felice e contenti non mi soddisfa molto. Tanto per fare un esempio senza fare spoiler, prendiamo "Il signore degli anelli": per quanto Frodo rimanga segnato dal peso dell'Anello, tanto che decide di partire, io lo avrei fatto morire con Sam nel Monte Fato, come estremo sacrificio per portare la pace. Sì, sono particolare, lo so :sss:

     

    Quando scrivi una storia parti sempre dall'inizio o ti capita di iniziare da un punto centrale della trama o addirittura dal finale?


  7. Mi ero detta che non dovevo. Che avevo abbastanza libri. Che "Anna Karenina" mi basterà per una vita. Che posso leggere pure i libri che si prende mia madre. Che ho una lista di libri da leggere che raggiunge le due cifre.

    Poi è arrivato Facebook. Un post, una foto, una scritta malefica: "Fiera del libro". No, non quella di Torino, ma una che facciamo qui, piccolina; erano anni che non la facevano, e guardo la scritta del "30% di sconto".

    Ora, come potevo? Di fronte a uno sconto del genere si ha l'obbligo morale di andare a comprare libri. E mica solo uno, che sennò che senso ha?

    Così ho comprato: "Bar sport", di Stefano Benni, "Gli occhi neri di Susan", di Heaberlin Julia, e "Marina bellezza", di Silvia Avallone.

    Per non contare i tre che ha preso mia mamma, di cui ho adocchiato ben due.

    E niente, ho una lista di libri da leggere che fa paura. Ora devo smetterla :fuma:

     

    Tutto questo per chiedere: e voi? Quale è stato l'ultimo libro che avete comprato?


  8. Sì, ma non in pura letteratura. Ho una sorta di "diario" che scrivo per il mio ragazzo, quando lui è distante, in modo tale che dopo possa leggere i miei pensieri di quel periodo; spesso approfondisco in questo diario i miei crucci o altro, sfogandomi senza problemi perché so di non essere giudicata. 

    Mi aiuta abbastanza, ma i maggiori risultati li ottengo "raccontando" la storia quando sono tra me e me e me la espongo: è liberatorio.

     

    Come scegli i titoli delle tue storie?

    • Like 1

  9. Cerco qualcosa di estremamente leggero, anche se non stupido :mazza: , non troppo lungo (ma sono di larghe vedute) e che possa trovare anche per e-book reader (esistono libri che non hanno la versione ebook nel 2016? Purtroppo sì :buhu: ).

    Ho bisogno di svagarmi per quando sono in treno, e ho talmente tante cose serie da leggere al momento causa università che voglio completamente staccare la spina...

    • Like 1

  10. On 22/4/2016 at 22:36, lean dice:

    Amo il distopico! E' emozionante, adrenalitico, coinvolgente, sorprendente, fuori dagli schemi, avventuroso... potrei continuare all'infinito :asd: in effetti ha tutto ciò che mi piace concentrato in un unico genere.

    Vi coinvolge ugualmente leggere un libro in prima o in terza persona?

    Tendo a preferire la terza...

     

    Preferite saghe eterne o romanzi brevi?


  11. "Che cosa significa?"

    "Significa che io sono la Morte. Quella con la emme maiuscola. L'unica e l'inimitabile. Quella che non sbaglia mai, perciò, signorina mia, tu morirai entro stanotte."

    Incrocio le braccia: diamine, ma chi ha voglia di morire e finire all'inferno?

    "E come dovrei morire?"

    "Ci sono tanti modi per morire..."

    "Oh, per carità!", sbotto. "Se proprio devo morire, dimmi almeno come andrà a finire. Sarò l'unica a non saperlo, ma non ti pare giusto?"

    La Morte mi fissa degli occhi. Non può essere così scema da cascarci, mi dico, ma dopotutto è la Morte, e non ho mai sentito che chiedano l'intelligenza per prelevare le anime dei defunti. 

    "Beh, penso che sia un tuo diritto..."

    Blocco un sorriso: è proprio rimbambita! Deve essere a causa di tutta l'oscurità che la circonda da tempo immemore.

    "Allora, come morirò?"

    "Quando uscirai stasera con le tue amiche, tornando a casa, una macchina non rispetterà il rosso e ti investirà."

    "Oh..."

    "Oh cosa?"

    Mi scuoto un po', delusa. "Pensavo a una morte più interessante. Vabbè... Allora ci vediamo stasera, cara Morte."

    Le mie amiche hanno brontolato, stasera; hanno detto che non è corretto dare buca all'ultimo. Le ho lasciate parlare senza ascoltarle veramente, pensando a quanto si sarebbero sentite in colpa a vedermi spiaccicata sull'asfalto.

    La mezzanotte arriva, e io sono ancora viva. Cara Morte, 1-0 per me e palla al centro.

    • Like 1

  12. 8 ore fa, Violaliena dice:

    Riesci a ordinare gli e book?

    Già comincio a perdermi pure nel kindle, perchè mica ho capito il sistema di archiviazione. Quindi è tutto alla rinfusa solo con la possibilità di cercare per titolo o autore.

    Il mio kindle è la confusione fatta e-reader :fuma:

     


  13. Siccome non porto mai a termine le mie storie "riciclo" i protagonisti; ovviamente cambio il loro passato, ma l'aspetto fisico e il nome li mantengo, il carattere lo modifico di quel che basta per farlo concordare con la storia. Comunque punto molto alla fantasia e cerco di variare il più possibile.

     

    Se leggi un libro poi guardi il film/telefilm che ne hanno tratto?


  14. "Davvero? E questo che sarebbe allora?"

    La guardo, ma in mano non ha niente. Che le sta succedendo? Si sta ammattendo? 

    "Che dovrei vedere, accidenti?"

    Lei sbuffa, agita una mano, come se avesse un fazzoletto da sventolare per un lungo addio. "La tua vita, mia cara. La stai buttando. Che screanzata, gettar via una così bella e giovane vita".

     

    :sss: 

    • Like 2
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy