Vai al contenuto

Mattia Alari

Veteranə
  • Numero contenuti

    350
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    31

Mattia Alari last won the day on Ottobre 17

Mattia Alari had the most liked content!

Su Mattia Alari

  • Rank
    Enthusiast
    Enthusiast
  • Data di nascita

Visite recenti

4004 visite nel profilo

Mattia Alari's Achievements

Enthusiast

Enthusiast (6/14)

  • Dedicated Rare
  • Very Popular Rare
  • First Post Rare
  • Collaborator Rare
  • Reacting Well Rare

Recent Badges

295

Reputazione Forum

  1. Pur detestandola è una canzone che fa parte di un momento particolare della mia vita (e l'ossessione del mio migliore amico in laboratorio di restauro) quindi... eccola.
  2. Le persone deboli sono pericolose.
    Il bello dell'esperienza è che ti insegna concretamente che le  eccezioni alla teoria... sono spesso solo errori quindi sì, devi fidarti dell'istinto. Sempre.
     

  3. Io ho sempre vissuto la scrittura come una distrazione LA MIA distrazione. Essere distratto da ciò che mi fa distrarre piacevolmente da tutto il resto... è davvero fustrante. E tutto quello che ho scritto nel mio post è vero: io vivo immerso in una situazione di caos più o meno calmo, più o meno evidente ma... Si tratta una situazione "totale" che distrae in senso negativo (quanto a volte in senso stranamente positivo, perché può essere di ispirazione e si capisce che a me piace osservare la gente, soprattutto quando non sono costretto a parlarci). L'insonnia causata dai miei problemi di salute, le preoccupazioni, i malumori degli altri che ti franano addosso come ciò che ho scritto prima (e non mi ripeto) ... Mi fanno spesso sentire stanco e incazzato. E quando sono stanco e incazzato, quando mi sento troppo male... NON SCRIVO. Neanche dipingo. Smetto di essere creativo. So che per molti è esattamente il contrario ma se sto male, sto male e basta. Non sono "multitasking" in questo senso quanto invece lo sono in altre cose. Quando mi sento troppo a terra e sono solo in grado di performace sotto la mia norma... Posso fare delle lavatrici, qualche piccola riparazione, cucinare, fare una passeggiata (se è giornata, perché oggi ho l'emicrania DI NUOVO ad esempio) e ascoltare musica steso sul sofà. Ovviamente DEVO finire dei lavori e quello lo faccio, ma ho capito che la questione non ha niente a che fare con la creatività quindi posso anche portare avanti delle ricerche e scrivere per altri in "off".
  4. Lost in translation
     

     

  5. Le cose che dici valgono per tutti. Possiamo fare solo delle "x" sulle opzioni, sono quelle che rompono le scatole a tutti. Immagino che un'intossicazione alimentare (magari avuta dopo una cena a casa di amici, con figli ululanti che come prime parole dicono bestemmie in due lingue, nonna rincoglionita a tavola che sputacchia la dentiera nel piatto e cane meticcio "incidente domestico" che scagazza usando i tappeti persiani come carta da coda) sia un'esperienza che fanno tutti. Prima o poi. Forse. Sarà anche abbastanza comune ritrovare il vicino nudo che si è chiuso fuori e si copre con i volantini del Take Away indiano, sfilati dalla porta accanto. Sarà normalissimo che la gente decida di organizzare una festa alle dieci del mattino con Karaoke in giapponese per tutto il tempo e che poi arrivi la polizia facendo più casino del karaoke (e magari con i pompieri al seguito, perché qualcuno aveva dato fuoco ad un materasso. A casa. Accendendosi una sigaretta con un accendi gas a forma di pistola che lo ha fatto sbattere a terra da tutti pensando che fosse armato). Credo che pure il vicino di casa con l'arpa, che suona in mutande ovviamente, sia una cosa che si vede tutti i giorni. Beh, io almeno lo vedo tutti i giorni. O la vedo. Perché a me sembra un uomo, ma indossa biancheria intima femminile quindi non vorrei offendere qualcuno dicendo una cosa per un'altra. Ad ogni modo... Di recente ci sono delle cose IN PARTICOLARE che mi impediscono di concentrarmi o scrivere quanto vorrei. Molto banalmente procedo in ordine sparso: La telefonata di mia nonna che urla che la vita è una merda e ce l'ha con mia madre. Quella di mio zio depresso che dice che la vita è una merda, avere mia nonna a casa con i suoi problemi è un altro problema, e mia madre (che non se ne cura) è una merda peggiore della vita. La telefonata di mio padre su quanto mia madre lo faccia sentire una merda. Quella di mia madre su quanto tutti siano una merda. Quella di mia sorella che mi fa sapere che il fatto che io riceva telefonate di parenti che parlano male di mia madre, fa sentire mia madre una merda. Poi mi sento una merda pure io, ovviamente, ma... suppongo sia l'atto finale di una situazione lassativa. La mia vicina di casa scarica paiolate di avanzi dei suoi pasti sulle macchine sotto il suo balcone. Lo fa tutti i giorni a pranzo e cena e quindi, ore pasti, arrivano orde di gabbiani impazzite a cagare ovunque mentre si litigano la pappa e questo... il casino e tutto il resto... distrae. Distrae da morire soprattutto se quella poveraccia della tua compagna, uscita a fare la spesa, torna a casa RICOPERTA di cacca lanciata dai culi dei gabbiani appostati sulla tettotia del nostro palazzo e ora in attesa della cena. Ho anche più di qualche vicina che si spoglia al balcone ma di recente, andando a buttare la spazzatura, delle studentesse spagnole mi hanno fatto presente di vedere ME quando circolo nudo in casa mia e... Di continuare a farlo, visto che gradiscono molto. Ah... dimenticavo di dire che in Scozia non ci sono tende nelle case: si vede tutto. Al quinto piano del palazzo di fronte c'è una coppia di ragazzi (due culturisti) che scopa allegramente con la luce accesa. Complimenti: tutti i giorni e quasi sempre dopo cena. Avranno preso la cosa con la determinazione dell'esercizio fisico che fanno pure per altro. E non è che io mi faccia distrarre dalla cosa più di tanto, ma non vederli è impossibile e quindi la cosa ti fa come minimo... ridere e come massimo... Metterti a preparare la cena o aspettarla, dipende dai giorni e da chi cucina. Mi distrae moltissimo anche una coppia di corvi che abita nel giardino di fronte. Ci ho fatto amicizia, mi piacciono i corvi, e mi portano sul davanzale centinaia di tappi, linguette di lattine, viti... Mi esortano a fare una buona differenziata che altri non hanno fatto ma bussare al vetro per farmi presente che è arrivato il pacco... è un disturbo. E meno male che il gatto del piano di sotto non è volante o mi porterebbe serpenti, sorci e uccelli morti per regalo! Sì, forse sono meglio i tappi. Continuo a pensare che dovrei scrivere, che voglio scrivere, e intanto c'è la frana di compiti di inglese; e il corso di inglese; e la chat di inglese, con quelli che non hanno capito che compiti fare né se è la classe giusta in cui essere visto il fatto che non capiscono praticamente niente. Condivido le loro preoccupazioni: me lo chiedo centomila volte al giorno e anche questo mi distrae. Vivere in un quartiere molto pittoresco (Leith) fa sì che di fatto tu sia in uno dei posti più cool del mondo (notizia uscita su tutti i giornali giusto ieri) ma al tempo stesso la questione ha dei contro. La contemplazione dei tetti muschiati e il chiederti che cavolo ci faccia una polena porno sulla facciata di un vecchio magazzino è una cosa che può accadere. O vedere, proprio di fronte, che il vecchio deposito di whisky è sistematicamente utilizzato come location per esterni di film o servizi fotografici. Quindi sì, anche la vista di un paio di ragazzi in costume da bagno e paperella (a 9 gradi o meno) che fingono di avere caldo può non farti concentrare. Incluso il casino che tutti fanno per non farli scagazzare dai gabbiani perché... insomma, sono sempre lì e non vanno a simpatie, almeno così credo.
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy