Vai al contenuto

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 06/05/2020 in all areas

  1. 1 point
    Che bello, dopo tanto tempo pubblicare un racconto e ricevere un commento. Mi manca questa vita. Grazie @Ayame, sono d'accordo su tutti i commenti.
  2. 1 point
    Rombo era un aquilone molto colorato e molto vivace, era nato in una piccola fabbrica di giocattoli e amava volare. Be’ a tutti gli aquiloni piace volare ma a Rombo piaceva di più che a tutti gli altri. Già prima di uscire dalla fabbrica, quando lo provarono per vedere se volasse bene, non voleva mai scendere a terra. Venne il giorno in cui Rombo finì sullo scaffale di un negozio assieme ad altri aquiloni e tutti aspettavano un padroncino, un bambino che li comprasse e li portasse a fare la cosa che più piaceva a tutti loro: volare. Ma a Rombo, volare piaceva più che a tutti gli altri. E infatti parlava in continuazione e chiedeva: “Quand’è che mi vengono a prendere? Io voglio volare. Perché nessuno mi viene a comprare?” Gli altri aquiloni non ce la facevano più, erano stanchi di sentire Rombo che si lamentava. Finché giunse un bambino che vide Rombo e disse: “Voglio questo”. Rombo fu felicissimo… e anche gli altri aquiloni. Tra Rombo e il bambino nacque subito una bellissima amicizia, tutti i giorni il bambino prendeva Rombo e lo faceva volare; sempre più in alto. Rombo era felice, amava volare; dall’alto vedeva tutto il panorama e si sentiva libero. Ci fu poi un giorno, uno come tanti, in cui Rombo e il suo amico erano in un prato e, come sempre, il bambino faceva volare Rombo ma quel giorno c’era un altro aquilone. Era più grande, colorato e… volava altissimo! Rombo non ci aveva mai pensato. Fino a quel giorno si era accontentato di volare ma quando vide quell’altro aquilone desiderò volare in alto come lui. Passarono i giorni e Rombo cercava ogni volta di andare più in alto, si faceva spingere dal vento per andare sempre più in su ma il suo amico lo ritirava sempre indietro. Ogni tanto gli capitava di incontrare altri aquiloni, tutti tenuti dai loro amici umani. Un giorno chiese a uno di loro se non avesse mai provato a staccarsi dalla mano del suo amico. “Sei pazzo?- rispose l’altro aquilone -Finiresti spiaccicato per terra e magari una macchina ti passa sopra e ti rompe! Non ci pensare nemmeno.” Ma Rombo non riusciva a pensare ad altro, voleva volare più in alto, ora non si sentiva più libero perché c’era sempre quel cordino che lo teneva legato e alla fine lo costringeva sempre a tornare a terra. Un giorno vide un palloncino staccarsi dalla mano del bambino che lo teneva, lo vide volare sempre più in alto finché fu così lontano che non riuscì più a vederlo. “Lui sì che è veramente libero adesso” pensò “potrei farlo anche io, dopotutto io so volare; mi farei un giro e poi tornerei dal mio amichetto.” E così si decise a fare quello che ormai pensava da tempo. L’indomani, quando il suo amico lo portò in un prato per farlo volare lui si preparò, aspettò il vento migliore e si fece trascinare in alto talmente forte che il cordino scivolò tra le dita del bambino. “Tranquillo amico mio, ritorno subito.” disse Rombo mentre cominciava a volare sempre più in alto. Quella era una giornata in cui c’era veramente tanto vento. Rombo arrivò così in alto che si sentì felicissimo e pensò che potesse bastare, e non vedeva l’ora di tornare tra le braccia del suo amico. Però, quando decise di tornare giù, non ci riuscì. Il vento soffiava ancora fortissimo e lo portava sempre più in alto e più lontano. Ormai non vedeva più il suo amico e nemmeno il prato dal quale era partito. Cominciò a preoccuparsi e a sentire freddo. “Voglio tornare a casa.” pensò impaurito. Tutto d’un tratto il vento smise di soffiare e Rombo cominciò a precipitare. Mentre cadeva sbatté contro un muro, poi un camion che passava e infine arrivò a terra. Impaurito e preoccupato attese che il suo amico andasse a riprenderlo ma lui non c’era più. Dopo poco tempo Rombo si sentì sollevare da terra. “È venuto a prendermi!” pensò; ma le mani erano quelle di un uomo adulto, non quelle piccole del suo amico. Inoltre, Rombo si accorse che qualcosa non andava, una delle bacchette che lo tenevano aperto si era spezzata. Rombo fu messo nel baule di una macchina e, dopo qualche tempo, quando il baule si riaprì, Rombo venne portato in una casa. In quel momento capì che non avrebbe più rivisto il suo amico e probabilmente lui stava piangendo adesso. Mentre nella casa in cui era finito non c’era nessuno che lo facesse volare, anzi, venne riparato ma poi fu chiuso in un armadio e lasciato lì al buio. Qualche tempo dopo l’armadio si aprì, Rombo sentì voci umane parlare di un giocattolo trovato per strada poi sentì una voce che gli sembrava di riconoscere, sì era il suo amico! Lo aveva ritrovato! La voce di un adulto disse che aveva letto il nome del bambino attaccato al cordino dell’aquilone e aveva chiamato i genitori. “Per fortuna sono riuscito ad aggiustarlo- disse la voce -può volare ma dovrai fare molta attenzione a non farlo cadere più.” Così Rombo tornò tra le braccia del suo amico che subito lo portò all’aperto e lo fece volare. Rombo si sentì di nuovo libero ma fece una promessa: “Non lascerò mai più la mano che mi tiene!” La storia di Rombo l'aquilone.mp3
  3. 1 point
    Strategie per inserire caporali (o trattino) senza faticare troppo... Il primo dilemma da affrontare per la punteggiatura del discorso diretto è relativo alla scelta tra trattino e virgolette. E nel caso di queste ultime tra caporali «» e virgolette alte “ ”. In questa miniguida informale riepilogheremo come inserire tali segni di punteggiatura in un testo. In giro per la rete si trovano guide e ottimi consigli per gestire l’ostica faccenda, qui si prova a fare una sintesi personale. Le virgolette alte (o inglesi) non sono esclusive per il dialogo, ma presentano il vantaggio di essere reperibili in evidenza sotto il numero 2 della tastiera. Mai usare in sostituzione di virgolette caporali l’orrido duo << >> , oppure il segno - invece del trattino lungo! Questi sono simboli matematici per maggiore e minore e per la sottrazione e dunque inadatti alla letteratura. Per inserire un trattino lungo o le caporali ci vuole qualche passaggio in più. Strategie possibili: Come tutti i simboli possono essere inseriti usando il comando inserisci → simbolo. Procedura semplice ma macchinosa, che di sicuro blocca il flusso creativo. Si possono inserire digitando i codici carattere da tastiera*. Ossia: ALT +0171 oppure ALT + 174 per « ALT + 0187 oppure ALT + 175 per » ALT + 0150 per – Alt + 0151 per trattino un po’ più lungo — Conoscere i codici del punto 2 offre una terza comoda scorciatoia. Si può scrivere veloci usando < e >; o usare il segno –, e in seguito sostituire coi simboli giusti usando il Trova e sostituisci. Nella finestra Sostituisci ho inserito le giuste caporali « col comando del codice numerico (ALT + 174). Possono essere sostituiti durante la digitazione mediante la correzione in automatico. Questi comandi, però, vanno inseriti. Per farlo in MS Word (il mio è la versione 2007) cercare la scheda correzione automatica. Nel Word 2007 cliccare il pulsantone in alto a sinistra (il pulsante office). Poi il menu Opzioni di word in basso a destra nella finestra Quindi Strumenti di correzione e Opzioni di correzione automatica Nella scheda che appare inserire le associazioni elencate sotto. Per inserire i simboli usare sempre i codici del punto 2 << per « >> per » - - per – - - - per — A questo punto la sostituzione avverrà sempre e in automatico. NB: Il sistema è un po’ meno idillico di quanto sembri, fallisce varie volte, ma è sempre più vantaggioso che digitare il codice numerico ogni volta. Si può ricorrere alle combinazioni di tasti associandole al simbolo desiderato. CRTL+ ALT+8 per « CTRL+ALT +9 per » CTRL + - (del tastierino numerico) per – CTRL+ALT+- (segno meno del tastierino numerico) per — Queste associazioni si possono ottenere una volta per tutte applicandole alla mappa dei caratteri. Per farlo usare il menu Inserisci → Simbolo. Selezionale il simbolo prescelto e poi cliccare sul tasto in basso Tasti di scelta rapida e assegnare una combinazione non usata per altro. Ho messo CTRL+ALT + 8 giusto perché è sotto la parentesi e quindi me ne ricordo facilmente. La combinazione assegnata resta valida per ogni documento Word. Quindi nel mio Word ogni volta che clicco CTRL+ALT + 8 appaiono caporali d’apertura «. Ho associato CTRL+ALT + 9 per quelle di chiusura Per il trattino in genere è già assegnata la combinazione trattino del tastierino numerico con CTRL e CTRL + ALT rispettivamente per trattino lungo e molto lungo. Se non ci fosse assegnatela. NB: conviene fare tutte queste operazioni ricorrendo al tastierino numerico, a volte sulle tastiere dei portatili possono esserci problemi Per inserire la coppia di caporali si può registrare una macro apposita e associarla a una coppia di tasti Aprire la finestra per registrare le macro . In MS Word si trova nella scheda visualizza →macro→registra macro (Nelle versioni più vecchie di word bisogna cercare nel menu strumenti→macro→registra nuova macro) Nella finestra che appare selezionare tastiera e assegnare un nome alla macro. (Ho usato Caporaliforever) Completare la descrizione e cliccare OK Assegnare una combinazione di tasti. Ho messo ALT e 8 ma si può usare una qualunque coppia di tasti che non sia utilizzata per altro. Cliccare chiudi e il cursore si trasforma per registrare. Digitare i codici per « e » con i famosi numeri (le caporali aperte e chiuse) e poi riposizionare il cursore tra le due caporali. Occorre farlo con i tasti freccia e non con il mouse perché la macro permette di memorizzare solo i tasti premuti. Interrompere la registrazione con Interrompi registrazione nel menu in alto Macro Testare la nuova macro selezionando Visualizza Macro dal solito menu Da qui all’eternità, se tutto è stato fatto bene, premendo la combinazione prescelta avrete la coppia di caporali con cursore nel mezzo. Tutto pronto ad accogliere le linee di dialogo.
  • Aggiornamenti di Stato recenti

    • Ayame

      Primo giorno di quasi-fine lockdown! :ohh: 

      1. This update has no replies.
    • Russotto

      Finalmente sono riuscito ad andare un po' avanti col mio romanzo: ho scritto ben...

      5 righe :fuma:

      1. This update has no replies.
    • Ayame

      I mesi fino ad aprile non mi piacciono, e anche aprile mi piace poco >_>

      1. This update has no replies.
    • Russotto

      Finita la prima parte delle ferie... ora si ricomincia e si fa il conto alla rovescia per la prossima (che non so ancora quando sarà) :buhu:

      1. This update has no replies.
    • Russotto

      Finita la prima parte delle ferie... ora si ricomincia e si fa il conto alla rovescia per la prossima (che non so ancora quando sarà) :buhu:

      1. This update has no replies.
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy