Vai al contenuto

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 17/06/2019 in all areas

  1. 1 point
    Dopo tanta fatica, finalmente abbiamo pubblicato. Autopubblicati o no, spetta a noi la gran parte del lavoro di promozione. E' ormai una realtà assodata. Ma come fare? Di seguito riporto le idee reperite in rete. Tralascio il discorso promozione social per concentrarmi su altro. Di solito si consiglia di: Crearsi un sito, un punto in cui chi intende leggere quanto scriviamo trovi informazioni. Per chi ha denaro da spendere comprare spazi pubblicitari sul net o suoi giornali (ma mi sembra più adatto a scrittori già conosciuti) Iscriversi e pubblicare, con discrezione, la propria opera su siti dedicati ai lettori. Chiedere recensioni a blogger o a siti specializzati. In soldoni questo è quanto ho trovato. Fornite suggerimenti o esperienze. Serviranno a tutti noi.
  2. 1 point
    Ayane concordo in tutto e per tutto. Anche secondo me il discorso pubblicità non paga, soprattutto se non si è già conosciuti. Tanto peggio il discorso Spam che rende subito (e a ragione) detestabili. Credo la cosa più importante sia crearsi una comunità di persone affezionate a quanto scriviamo e che scelgano liberamente di comprare qualcosa di nostro senza sentirvisi costretti. In tal modo si crea una sorta di fidelizzazione spontanea che credo sia l'unica a poter dare buoni risultati nel tempo.
  3. 1 point
    Crearsi un sito/blog è molto importante, direi pressoché fondamentale. Bisogna però poi seguirlo con costanza (do per scontato che venga creato con criterio e "arredato" con gusto, cosa che comporta un minimo di spesa), aggiornarlo con contenuti nuovi e interessanti e, parallelamente, farsi conoscere sui social. Lo spam è da evitare, sempre e comunque. Ci si può proporre, con discrezione come dicevi tu, a blog e siti di settore, chiedendo di essere recensiti; investire in advertising per promuovere il libro tout court secondo me è controproducente: ho visto inserzione di gente sconosciuta, e di solito o ignoro (anche perché sono fatte veramente coi piedi, anche qui occorre affidarsi a qualcuno che ne sappia un minimo!) o do un'occhiata e poi fuggo – perché sono fatte coi piedi, appunto. Punterei piuttosto a promuovere il proprio sito/pagina FB: si crea un contenuto interessante, un buon articolo – ché di post che parlano strettamente del libro il lettore non se ne fa nulla – e sceglierei bene come targettizzare la sponsorizzazione. Da lì arriva gente interessata che, se trova buono quello che hai scritto, si potrà affezionare, seguire blog e pagina, iscriversi alla newsletter (anche questo mezzo da usare con cautela e sapendo quel che si fa). Servono o molto tempo e studio (e conseguente spesa su libri e/o corsi) oppure affidarsi a qualcuno che lo faccia di mestiere, in sintesi. Specie per gli autopubblicati, ma anche chi ha un piccolo/medio editore non può esimersi dal fare la sua parte nella promozione. My 2 cents.
  4. 1 point
    Indesign è comodo per impaginare e relativamente facile da usare. L'ho usato più volte a lavoro per creare vari manuali
  5. 1 point
    Mi dicono dalla regia (alias @BellaLestrange, che se ne occupa per lavoro) che un ottimo modo per fare dei buoni ebook senza impazzire è Writer2Epub
  6. 1 point
    Un altro programma gratuito, molto adatto ed essenziale (che noi conosciamo da molti anni; InDesign lo usiamo maggiormente per quanto riguarda l'impaginazione dei cartacei) è Sigil. Di certo, comunque, un buon corso di InDesign non fa mai male 😉
  7. 1 point
    InDesign è sicuramente molto adatto alla creazione degli ebook!
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy