Vai al contenuto
  1. Ingresso

    1. Benvenutə

      Conosciamoci! Entra e parlaci di te. 

      249
      Discussioni
      2,9k
      messaggi
    2. Info Point

      Regolamenti e comunicazioni.

      22
      Discussioni
      280
      messaggi
  2. On writing

    1. sUPporto Scrittura

      Problemi con la scrittura? Dal blocco dello scrittore all'impaginazione, passando per trame, stili e personaggi, qui trovi il supporto che ti serve.

      40
      Discussioni
      351
      messaggi
    2. Palestra Creativa

      Esercizi, giochi e guide per migliorare le proprie abilità di scrittura.
      Vuoi proporre qualcosa? Apri un topic!

      10
      Discussioni
      56
      messaggi
    3. Narrativa

      Per i testi di narrativa di ogni genere.
       

      173
      Discussioni
      1,6k
      messaggi
    4. Poesia

      Per le poesie.
       

      48
      Discussioni
      270
      messaggi
    5. Sceneggiatura

      Per i testi di sceneggiatura di ogni genere.
       

      24
      Discussioni
      102
      messaggi
    6. Arena

      Sei pront@ a scendere in campo e misurarti con gli altri?

      11
      Discussioni
      44
      messaggi
  3. Editoria e dintorni

    1. sUPporto Editoria

      Questioni editoriali di ogni tipo e genere: se hai una domanda sull'editoria questo è il posto giusto dove farla!

      28
      Discussioni
      457
      messaggi
    2. 151
      Discussioni
      270
      messaggi
    3. Agenzie e Professionisti

      Dedicato ad agenzie letterarie e ai professionisti freelance dell'editoria: editor, correttorə bozze, illustratorə, traduttorə e altrə.

      30
      Discussioni
      80
      messaggi
    4. Blogbuster

      Per siti e blog dedicati a scrittura, libri ed editoria. 

      5
      Discussioni
      34
      messaggi
    5. Librerie d'Italia

      Un angolo dedicato alle librerie di tutt'Italia – sia quelle fisiche che virtuali. Se sei unə libraiə segnalaci la tua libreria!

      3
      Discussioni
      3
      messaggi
    6. Corsi, Concorsi ed Eventi

      Una raccolta di corsi a tema editoriale, concorsi letterari ed eventi (fiere, manifestazioni) su libri e scrittura.

      4
      Discussioni
      32
      messaggi
    7. Riviste Letterarie

      Sezione dedicate alle riviste.

      15
      Discussioni
      20
      messaggi
  4. LetterArea

    1. (Parliamo di) Libri

      I libri che leggiamo, quelli che leggeremo... Libri, libri e ancora libri!

      29
      Discussioni
      669
      messaggi
    2. In Vetrina

      Parlaci del tuo libro e facci conoscere ciò che scrivi!

      38
      Discussioni
      80
      messaggi
    3. Altri media

      Non si vive di soli libri: uno spazio per tutti gli altri media che arricchiscono le nostre vite

      51
      Discussioni
      1,8k
      messaggi
  5. Community Lounge

    1. Bar Sport

      Cazzeggio libero! 

      152
      Discussioni
      2,3k
      messaggi
    2. Un topic tutto per sé

      Il tuo blog/diario: apri il tuo topic e parla di ciò che vuoi, quando vuoi

      10
      Discussioni
      56
      messaggi
    3. Privé

      Riservato ai fedelissimi del forum.

      37
      Discussioni
      702
      messaggi
  • Aggiornamenti di stato
    • Opzioni

    • greenintro

      Pisolino pomeridiano. Sono a Londra in una sorta di castello insieme a un gruppo di ragazzi che non conosco. Cose strane: apparizioni dal passato di lontani parenti mai conosciuti già morti che mi consigliavano mestieri da intraprendere, Andrea Scanzi che faceva da guida alla sua biblioteca di libri sulla musica. Con noi anche il grande psicanalista Alfred Adler, che però in quel momento era una signora anziana. Devo abbandonare il castello anzitempo per andare a visitare il resto della città con mio padre. Mi ritrovo in giardino, resto con lui e con Adler. Vinco la timidezza, chiedo a quest'ultimo/a: "scusi se mi permetto, approfittando di quest'occasione probabilmente irripetibile (mi accorgo imbarazzato di averle implicitamente dato della vecchia), considerando che lei è una delle più grandi psicologhe della storia (stavo per dire "la terza", stavolta la diplomazia mi salva), posso chiederle chi tra Freud e Jung ha più ispirato la sua visione?" Lei inizia a rispondere, ma le parole sono incomprensibili. Mi sveglio, ci metto un pò a rendermi conto di che ora sia. Peccato per la risposta, magari se ne riparlerà alla prossima pennichella.

    • Outsider

      Martedì le Marche torneranno arancioni e cosa dicono le previsioni metereologiche? Pioggia! Ma allora ditelo...

    • Sofia C.

      Faccio la spesa (il supermercato alle 9 era.. AAAARGHCASINOAAAH), torno a casa, sistemo tutto, mi calmo, mi cambio.

      Esco. Al parco. A camminare, forse a correre...? (Che ridere.) Nah.

      La primavera.

      Prati di margherite arruffate dove ancora non batte il sole, il vento che si alza, la luce tersa e trasparente che si sporca di bianco e diventa più morbida. Un grande ulivo sereno e nodoso come un signore che vede, che sa, che ti sorride e rientra nei suoi ricordi. Silenzio. Alla sua ombra, il via vai di passerotti e merli. Il ronzio degli insetti. Alberi che si sfiorano lassù tendendo i rami da una parte all'altra del viale: trame verdi che compongono una volta dalla struttura delicata. Se la fissi, sfuma nella luce. Per sempre. Come un amore. Ho pensato a questo.

      Molto fiori sono già andati o mischiati alle foglie, ma arrivati all'incrocio tra due strade si sente un profumo di miele. È caldo, nascosto, improvviso. Non so di quale fiore sia il bacio: oltre il muro dev'esserci un albero. Dolce come un bacio nel buio.

      Primavera, oggi. 

  • I club di UP

  • Articoli dal blog

  • Ultimi messaggi

    • Per quel che riguarda il discorso tempo, sì, quello dipende dalla lunghezza del testo, per questo per i lavori che hanno una correlazione stretta con il testo stesso la tariffa è a cartella. In genere fa eccezione la progettazione e realizzazione della copertina, in quanto sì il testo va letto tutto per intero, ma si tende comunque a un forfettario globale, tenendo conto a priori – nella cifra richiesta – il numero di ore necessarie in media alla lettura. Il "dipende da che lavoro vuoi", invece, mi fa un po' storcere il naso. Nel senso: un professionista dovrebbe avere una serie di servizi, tutti inseriti in un listino. E il servizio quello è, non è che lo modifichi come ti pare a seconda di come ti gira o di quanto il cliente è disposto a pagare. Fare una cosa del genere non è professionale, né tantomeno deontologico. Quindi il sentirsi rispondere così è un po' mortificante, a mio avviso. Forse non hai intercettato professionisti di un certo livello, oppure hai intercettato professionisti un po' in rosso, pronti ad accettare qualsiasi incarico pur di far cassa (che comunque non è che sia questa gran cosa). Sì, la percezione è sballata verso il basso, sia per quel che riguarda i costi, sia per il carico di lavoro. Gran parte di questo fatto, oltre che al bias di fondo cui accenni, è anche dovuto purtroppo alla grossa presenza di finti professionisti nel settore, che offrono servizi a costi bassissimi – anche perché costi normali non sarebbero giustificabili, visto il dubbio risultato della prestazione. Qui c'è da distinguere. Per gli illustratori è come dice @Niji. Per gli editor professionisti ci avviciniamo (dal basso) agli standard europei, per la clientela privata. Spoiler dal sondaggio: il privato paga meno il professionista, rispetto l'azienda – che dovrebbe pagarlo di più, proprio in quanto azienda –, pertanto i listini in genere sono diversi. Per la clientela aziendale (ossia editor pagato da un'azienda), i prezzi sono inferiori rispetto alla media. I designer professionisti offrono prezzi in linea con gli standard internazionali, sia come offerta al privato, sia come offerta all'azienda. Questo perché il designer della comunicazione visiva non si occupa solo ed esclusivamente di editoria, ma affianca al lavoro editoriale (in genere esiguo) un lavoro di strategia di marca, marketing ecc... C'è differenza, per il designer, in caso di lavori esecutivi per le aziende, ossia laddove non è richiesta la creazione di un progetto grafico da zero, ma questo è già preesistente. L'azienda, in questo caso, sottopaga il lavoro di esecuzione e andiamo sotto gli standard. PS. Per aziende intendo grandi, medie e piccole per fatturato. L'editore pincopalla che risulta associazione culturale e/o ha €1 di capitale sociale è da intendersi come privato, perché non può permettersi i costi del listino per le aziende, e forse non investe nemmeno nei prezzi proposti ai privati (a giudicare dagli obbrobri che si trovano sul mercato).   Grazie! Volentieri. Più dati sono disponibili, più accurata sarà l'analisi da trarne. L'importante non è "rispondere bene", ma secondo quanto è la propria credenza rispetto tale professione. Il questionario si basa sul percepito del pubblico, quindi non è un "devo fare giusto", ma serve rispondere secondo il proprio sentire
    • mi sa che hai incontrato lo stesso atteggiamento di cui parlavo, allora! Comunque non so come sia per le altre figure professionali fuori dall'Italia: come dicevo sopra, non saprei proprio rispondere su editing e correzione bozze neppure per l'Italia, e non conosco queste figure all'estero. Per l'illustrazione di copertine, l'Europa è un po' tutta non esattamente un Eldorado anche se per le mie scarse esperienze alcuni paesi sono un po' meglio dell'Italia, altri sicuramente sono peggio, la grande differenza la fa passare al mercato US.
    • Se ti consola, una volta per poco non mi è partito un ban (da dare) durante una discussione su quanto si dovrebbero pagare gli illustratori   Sarebbe interessante fare il confronto con i prezzi all'estero. @Nijihai idea dei prezzi richiesti dagli editor e dagli altri professionisti? È proprio l'Italia tirchia o ci sono queste discussioni anche in UK?
    • è il self publisher che mi stupisce, un autore che punta a venire pubblicato da una casa editrice può non sapere il costo dei servizi di cui l'editore si occupa, ma se sei self quelle scelte le devi fare tu. @Elyor e hai ragione anche tu: i prezzi variano a seconda del servizio e mi sembra normale "non sapere", mi sembra meno normale definirli "richieste assurde" o parlare di prezzi onesti o meno quando evidentemente non si sa di cosa si sta parlando. Il problema per me è quando si ha l'impressione di sapere come funziona qualcosa e di poter quindi esprimere giudizi, quando evidentemente non è così.  Purtroppo è verissimo che il settore è tutto sottopagato: io non potrei vivere come illustratrice lavorando per editori italiani, rendermene conto è stato bruttissimo. E gli illustratori (quando non sono autori, ma offrono un servizio) se la passano mediamente meglio degli scrittori, perché generalmente è più facile essere pagati per realizzare le idee degli altri. 
    • Promettete di non linciarmi?  Al questionario (per il momento) non rispondo perché... Nemmeno i professionisti sono in grado di darmi una risposta precisa. E io sono soltanto un'aspirante.  No, non me lo sto inventando o altro: ho avuto occasione di chiedere, soprattutto a editor e correttori di bozze, e la prima risposta è sempre stata "dipende dal testo" (a livello di tempo necessario) e "dipende da che lavoro vuoi" (a livello di prezzi). Forse ho avuto sfiga io, però diciamo che ho idea dei minimi necessari, ecco. Non ho mai avuto un romanzo a un livello tale da potermi rivolgere ad altre figure professionali, perciò non mi sono mai gettata alla ricerca. Ho parlato però con molti aspiranti che erano a uno step più avanti... E sì, la percezione è completamente sballata (verso il basso). E questa cosa mi arrabbia (da laureata in beni culturali, so bene quanto ti spillerebbero pure il sangue per farti lavorare "per la gloria"), ma non mi stupisce così tanto, perché si parte da un bias. Tanti partono da se stessi come metodo di paragone. Se si fa così, però, tutto viene sbilanciato. Perché è ovvio che nessun professionista spenderà tanto tempo come lo scrittore su un romanzo. È lo scrittore che spende la gran parte del tempo sul romanzo (giustamente). Poi vedi i contratti che ti offrono, con case editrici che ti propongono di pagare, che ti chiedono di farti fare l'editing a parte, e il marketing te lo devi fare te con i social, e ti diamo questa percentuale... Si sa che sono ben pochi quelli che vivono della propria scrittura. E allora qualcuno che non ha avuto occasione di interagire con tanta gente, gli aspiranti scrittori che si sentono dire queste cifre, pensano al volo "ma allora perché tutte queste figure professionali chiedono cifre così alte?" NON sto dicendo che sia giusto. Sto dicendo che è tutto il settore che è sottopagato, e questa è una spirale che va verso il basso e trascina tutti.    P.s. di aggiunta @Mrs. Tabitha se vuoi, posso far circolare un po' questo questionario. Immagino che alcune delle mie conoscenze risponderebbero come me sulla linea del "ci sono troppe variabili per rispondere bene", però penso di poterti portare risposte (principalmente da aspiranti scrittori)
  • Discussioni

  • Our picks

  • Passaparola

    Ti piace Ultima Pagina? Spargi la voce!
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy