Vai al contenuto
Crea Nuovo...
  1. Ingresso

    1. Benvenutə

      Conosciamoci! Entra e parlaci di te. 

      3,4k
      messaggi
    2. Info Point

      Regolamenti e comunicazioni.

      284
      messaggi
  2. On writing

    1. sUPporto Scrittura

      Problemi con la scrittura? Dal blocco dello scrittore all'impaginazione, passando per trame, stili e personaggi, qui trovi il supporto che ti serve.

      482
      messaggi
    2. Palestra Creativa

      Esercizi, giochi e guide per migliorare le proprie abilità di scrittura.
      Vuoi proporre qualcosa? Apri un topic!

      59
      messaggi
    3. Narrativa

      Per i testi di narrativa di ogni genere.
       

      1,7k
      messaggi
    4. Poesia

      Per le poesie.
       

      258
      messaggi
    5. Sceneggiatura

      Per i testi di sceneggiatura di ogni genere.
       

      104
      messaggi
    6. Arena

      Sei pront@ a scendere in campo e misurarti con gli altri?

      47
      messaggi
  3. Editoria e dintorni

    1. sUPporto Editoria

      Questioni editoriali di ogni tipo e genere: se hai una domanda sull'editoria questo è il posto giusto dove farla!

      498
      messaggi
    2. Catalogo Editori

      Cerca e scegli l'editore che fa per te

      405
      messaggi
    3. Agenzie e Professionisti

      Dedicato ad agenzie letterarie e ai professionisti freelance dell'editoria: editor, correttorə bozze, illustratorə, traduttorə e altrə.

      136
      messaggi
    4. Blogbuster

      Per siti e blog dedicati a scrittura, libri ed editoria. 

      75
      messaggi
    5. Corsi, Concorsi ed Eventi

      Una raccolta di corsi a tema editoriale, concorsi letterari ed eventi (fiere, manifestazioni) su libri e scrittura.

      91
      messaggi
    6. Riviste Letterarie

      Sezione dedicate alle riviste.

      24
      messaggi
  4. LetterArea

    1. (Parliamo di) Libri

      I libri che leggiamo, quelli che leggeremo... Libri, libri e ancora libri!

      735
      messaggi
    2. In Vetrina

      Parlaci del tuo libro e facci conoscere ciò che scrivi!

      133
      messaggi
    3. Altri media

      Non si vive di soli libri: uno spazio per tutti gli altri media che arricchiscono le nostre vite

      1,9k
      messaggi
  5. Community Lounge

    1. Bar Sport

      Cazzeggio libero! 

      2,3k
      messaggi
    2. Un topic tutto per sé

      Il tuo blog/diario: apri il tuo topic e parla di ciò che vuoi, quando vuoi

      166
      messaggi
    3. Privé

      Riservato ai fedelissimi del forum.

      729
      messaggi
  • A cosa stai pensando?
    • Opzioni

    • Russotto

      È stato un fine settimana stancante in senso fisico ma rilassante per la mente. Credo di non essere l'unico a ritenere che prendersi cura della propria casa abbia effetti benefici per la mente. O forse lo dicono anche gli esperti.

      Sta di fatto che, se da una parte imbiancare la cucina mi ha sfiancato, dall'altra mi ha dato una bella soddisfazione. A cominciare dal fatto che ora mia moglie non s****a più.

      Oggi, poi, sono riuscito a fare una cosa che da tempo non riuscivo: andare a correre.

      Ecco, ce l'ho fatta, tutto secondo programma: un'ora di corsa.

      Ma c'è stato un momento in cui mi sono sentito veramente grato nei confronti vita: quando durante la corsa mi sono trovato di fronte a un prato immenso che sembrava finire ai piedi delle montagne oltre le quali c'era il sole che, seppur ancora alto, già sembrava annunciare la sia uscita di scena.

      Intorno a me solo i rumori della natura.

      È stato un attimo molto breve ma al contempo molto bello.

      Alla fine della corsa la ciliegina sulla torta: sono andato a prendere mio figlio al centro estivo e quando gli ho detto che ero andato a piedi, nel vedere la macchina di mia moglie ha preferito venire con me.

      E fare una passeggiata con mio figlio... Che ve lo dico a fare?

      A cosa penso? È stato un fine settimana sfiancante ma la nuova settimana non poteva iniziare meglio.

      Ah, dimenticavo: il fatto di riuscire a correre per almeno un'ora era una condizione necessaria e sufficiente a partecipare al Giro del Lago del Moncenisio. Una gara stupenda che si corre a un'altitudine di 2000 metri in un posto la cui bellezza, difficile da descrivere, ha un che di mistico.

      moncenisio+%252848%2529.jpg

    • Strange2022

      E niente. Sono un'impedita. Ho provato a scrivere un post di introduzione e saluto dopo l'iscrizione ma volevo correggerlo perché ho visto che c'è una parte apposita della pagina (che peraltro non riesco a trovare) che si chiama "on writing" e risponde proprio alla mia domanda. Ma non trovo neanche il post da correggere! 

    • Desy Icardi

      Se domani - geografia permettendo - qualcuno volesse trascorrere il pomeriggio tra storie e scrittori...

       

      image.thumb.jpeg.8da734a82e3f062c2b5072b80a3352c4.jpeg

      https://www.desyicardi.it/evento/premiazione-del-concorso-letterario-il-cammello-racconta/

    • Desy Icardi

      E oggi un po' del mio tour in Colombia.image.jpeg.b0aacb9e378b83d1ea63b64503645da6.jpeg

      Lancio editoriale di due marchi editoriali in Colombia. Io rappresentavo ADN

      Cimage.thumb.jpeg.34fd9fa01f0c0cfad19223ccbc8d0366.jpeg

      La conferenza stampa alla libreria Lerner di Bogotà

      285938802_10228338724718961_8168124226053085183_n.jpg

      I miei lettori colombiani:love:

      286054843_10228338724518956_2535237611434597814_n.jpg

      285546660_10228338724638959_2749822895612028724_n.jpg

      Intervista per la rivista Libros & Lettras

  • Articoli dal blog

  • Ultimi messaggi

    • Dimenticavo: ora ritorno a "L'annusatrice di libri" della nostra @Desy Icardi. E ho iniziato "Path of life and stone" di un'altra nostra: @Lem Mac Lem
    • La notte è insonne. Le lancette dell'orologio posto di fronte al letto sembrano immobili, come se il tempo si fosse fermato. È sarcastica la concezione che abbiamo di esso. A volte le giornate paiono fugaci, corrono così veloci che l'individuo non si avvede del loro cessare; altre, invece, sembrano perpetue. Ma lo è ancora di più come la più anonima tra le cose possa ricondurre ad un pensiero o ad un evento passato. I numeri che costituiscono l'orario rimandano al periodo quinquennale passato sopra libri di economia e matematica. E, ovviamente, questo riporta al momento in cui avevo chiesto ausilio alla mia figura paterna, il quale a sua volta si lega al suo struggente "Arrangiati!". È tutto un procedimento a catena. Come se avessero uno strano rapporto. Un po' come le parole di una lingua: possono diversificarsi per significante e significato, ma in esse esistono delle relazioni dove una può richiamare l'altra. A ventre in su, con una mano dietro la calotta, le gambe distese sino alla punta  del letto e le pupille rivolte al soffitto buio, non riesco a chiudere occhio. Mi trovo in un bivio similmente ai forestieri che si accingono ad entrare a Vorigo. I quali sono spesso indecisi se prendere la sinistra – che conduce direttamente al luogo e alle sue meraviglie architettoniche e artistiche – o la destra che conduce direttamente al bosco della città. Quest'ultimo è costellato da alberi di vario tipo, sebbene sia circoscritto perlopiù da eocalipto. Sono maestosi dato che superano abbondantemente i dieci metri di altezza; nel periodo estivo l'enorme fogliame caratterizzato da un colore verde con riflessi azzurri rende vivace il panorama alla vista dei turisti. L'aria è sempre un toccasana, così come lo è passeggiare al suo interno . Sfortunatamente non so molto a riguardo, dato l'aver passato molti anni della mia vita rinchiuso in quattro mura. Ne ricordo nemmeno di esserci mai stato. E quelle poche informazioni che ricordavo erano frutto di  alcuni discussioni fatte dai miei ex compagni. Sono però a conoscenza del fatto che quello che davvero preme la gente a visitarlo è la presenza del gatto selvatico. Esso è molto raro e quasi mai è stato avvistato. Solo una volta un fotografo – un turista di origini inglesi – è riuscito a scattargli una foto, mentre l'animale cercava di cibarsi  di un pettirosso, uccelli molto presenti nel bosco di Vorigo insieme ai passeri, picchi rossi, ghiandaie e gli alocchi al calar del sole.  La mia mente non sa se virare verso la via della soddisfazione o in quella della frustrazione. Dovrei essere contento che almeno questa notte non sia frastagliato dal solito incubo, dove rincorro inutilmente quell'ombra lesta come un falco pellegrino. Ma dovrei essere anche arrabbiato per tutto ciò che mi ha raccontato Carlo un'ora fa. Il mio animo dovrebbe trovare un po' di pace, visto che finalmente il quesito di una vita – il perché dell'indifferenza di mio padre – è venuto a galla. Ma dovrebbe essere travagliato da quella verità scomoda. Non lo so. È come essere in uno stato apatico: non sento niente. Il sonno, fortunatamente, in seguito ha preso il sopravvento. Avendo fatto le ore piccole, il mio risveglio si è dilungato di tre ore in più rispetto al suo ordinario.  Tendenzialmente mi alzo alle sette, lo stesso orario del "vecchio", ma una volta aperte le palpebre ho notato che erano le dieci in punto. Con gli occhi gonfi, la testa confusa e le gambe aggranchiate, procedo a ritmo lento verso la cucina. La stanchezza originata dall'insonnia è evidente. I miei arti posteriori sembravano rigidi pezzi di legno, un po' come quelli di Pinocchio la prima volta che hanno iniziato a muovere i loro primi passi. Solo che lui era soretto ed aiutato da Geppetto, anche quando ha venduto il suo Abbecedario per vedere i burattini di "Mangiafuoco", nonostante quel buonuomo avesse venduto la sua casacca per farlo studiare. Io invece dovevo reggermi da solo, senza l'appoggio di nessuno. Come sempre. Una volta aperta la porta della cucina, noto mio padre seduto sul tavolo a fumare una Malboro rossa, vestito con il solito indumento da pittore edile. Non sapevo che domanda porgli. Quella relativa al motivo per cui è rimasto in casa o quella legata al fumo. Anche se, nel primo caso, potevo arrivarci da solo, visto ciò che era successo qualche ora fa.  Nel secondo, invece, ne sono rimasto meravigliato. Non sapevo minimamente che avesse il vizio delle sigarette. Non l'ho mai visto fumare dinnanzi a me per tutto questo tempo.  «Da quando hai iniziato?» «A fare che?» «A fumare.» Non so se quella domanda l'ha messo in imbarazzo, ma, poco prima di rispondere, ha spento la mezza sigaretta che ancora gli restava nel posacenere. «Questa mattina» «Non ti ho mai visto farlo. Quella roba è cancerogena.» «Sarà» «Non bastava il vizio dell'alcol, ora anche quello del fumo?» «Uno mi serve per rilassarmi, l'altro per non pensare» «Che stupidaggine.» «Sarà...» «Comunque, prima ero un fumatore accanito, ma dopo aver sposato tua madre ho smesso. Tuttavia, stamani ho ripreso.» «Sono ancora molte le cose di cui ignaro» «Beh, tu non mi hai chiesto nulla di lei, quindi non credi sia anche un po' colpa tua?» «Colpa mia!? Sono vent'anni che non riesco ad avere un approccio con te. Vent'anni di indifferenza totale. Anche se te l'avessi chiesto cosa sarebbe cambiato? Avanti, forza, dimmelo! Sono tutto orecchie» Il suo sguardo era rivolto verso il mio. Questa mattina è più strana di quella precedente. I nostri occhi si sono incrociati e, senza rendercene conto, stavamo adirittura conversando, sebbene più che una chiacchierata sembrava un battibecco. Dopo qualche secondo i suoi occhi sono passati dal mio viso al pacchetto di Malboro posto sul tavolo. Ne presa una ed iniziò a fumarne un'altra. Io, voltandogli le spalle, mi versavo nel mentre il mio solito caffelatte. «Comunque, non mi riferivo ad Asia» dissi. «E allora a chi?» «A te ovviamente. Certo, ogni tanto capitava di pensare anche alla madre di cui non ho alcun ricordo, ma come ti ho già detto la mia mente è sempre stata indirizzata al motivo della tua freddezza, del tuo distacco. E, onestamente, non riesco ad aver chissà quale pensiero verso di lei, è andata via quando avevo solo tre anni. Ma tu... tu invece...» Non sono riuscito a completare la frase, poiché Carlo ha appoggiato la sua mano nella mia spalla. «Ascolta, Manuel. Ieri ti ho già detto come si son svolti i fatti e, a dirla tutta, non ho voglia di riprendere il discorso. Sarò stato anche ubriaco, ma quell'individuo che hai visto alle prime ore del mattino era il vero me. Il vero Carlo. Non sei l'unico ad averne pagato le conseguenze. » «Ti riferisci all'innesco della tua indifferenza nei miei confronti?» «Si. Credevo seriamente che questa fosse l'unica soluzione, l'unico scudo per proteggermi dal fatto che tu, in un modo o nell'altro, mi riportavi in mente lei. Mi sono già scusato e, nuovamente, ti ripeto che mi dispiace.» «Come se le scuse possano sanare un rapporto» «Infatti proprio per questo io, che dovrei essere a lavoro, sono qui.» «Che vuoi dire?» «Come, non ti sei chiesto perché io sia qui invece di essere sul posto di lavoro?» «Beh, si, ma pensavo che il motivo fosse legato a ieri.» A malapena il tempo di concludere la frase che Carlo si è alzato dalla sedia. «Stamattina mi sono preso un giorno libero e il capo dopo mille storie ha acconsentito. Ma il motivo per cui sono andato lì non era tanto per prendermi una giornata di vacanza per ciò che successo ieri, bensì per fargli una proposta.» «Proposta?» «Si, gli ho chiesto se potevi iniziare come apprendista nella nostra impresa e se ti avrebbe messo in regola. Ha accettato...» «Non capisco...» «Non mi avevi chiesto, tempo fa, di mettere una buona parola per il mio lavoro di lavoro, poiché volevi pagarti le spese universitarie? Ecco... » Non sapevo descrivere la mia reazione, era un misto tra stupore e incredulità. «Sarò sincero con te, Manuel. Ora come ora non so come comportarmi da padre e non voglio neanche che tu mi perdoni così su due piedi. Voglio solo...» «Cosa?» «Voglio solo che tu accetti la mia richiesta. Non è tardi. Aiutami a divenire un buon genitore, aiutami a fare ciò che non sono stato in grado di fare per molto tempo. Proviamo a diventare padre e figlio.»     *capo
    • Ciao, a me la tua presentazione è piaciuta. Benvenuto  
    • Ciao, benvenuta. Piacere di averti qui.  
  • Our picks

    • Una pratica ed esaustiva guida scritta da due editor professioniste (Julia Sienna e Shane Crowley di Gainsworth Publishing) su cos’è l’editing, cosa fa un editor, come sceglierne uno adatto e come evitare quelli incapaci.

      Cosa troverai nell'articolo

      Iniziamo dal principio, partendo dalle definizioni: cos’è l’editing?


      Le tipologie di editor


      Cosa fa l’editor (e come lo fa)


      L’editing, in pratica


      Cosa guardare quando scegliete un editor


      1. Il Curriculum.


      2. La Partita Iva.


      3. La prova d’editing




      Riconoscere (ed evitare) un cattivo editor


      Il copy distratto


      Il copy “sui generis”


      Il genio della stilistica


      Il content che non deve chiedere mai


      L’innovatore


      Mr. (o Mrs.) NO




      Ora sapete come scegliere il vostro editor




      Vai all'articolo!

       
      • 1 reply
    • Qui l'articolo di Eugenio Saguatti (alias Panofsky) sulla figura dell'editor. 
        • Love
      • 2 replies
×
×
  • Crea Nuovo...

Cookie, cookie e ancora cookie

Come saprai, usiamo dei cookies per garantire il miglior funzionamento del sito. Puoi leggere la cookie policy, oppure cliccare su "Accetto". Consulta anche la privacy policy completa. Privacy Policy

Ricerca In
  • Più opzioni...
Find results that contain...
Find results in...

Write what you are looking for and press enter or click the search icon to begin your search